Smog in città: bambini colpiti anche nella memoria

Condividi:

Uno studio dell’Università di Barcellona pubblicato dalla rivista Environmental Pollution suggerisce che lo smog respirato mette a rischio la memoria dei bambini. Lo studio, condotto nella città catalana, ha riguardato 1.200 bambini tra 7 e 10 anni di 39 scuole, tutti che andavano a scuola a piedi, di cui sono state valutate le prestazioni della memoria e della capacità di…

Leggi

Cervello: cacao e cioccolata migliorano le performance cognitive

Condividi:

Buonissime notizie per chi ama la cioccolata. Cacao e cioccolata consumati abitualmente potrebbero essere d’aiuto nel migliorare le performance cognitive. La chiave sta nei flavanoli (o flavonoidi), una classe di composti naturali con effetti neuroprotettivi. A evidenziarlo una ricerca italiana, dell’Università dell’Aquila, pubblicata su Frontiers in Nutrition. Gli studiosi Valentina Socci e Michele Ferrara hanno esaminato la letteratura disponibile sugli…

Leggi

Svelati i segreti per mantenere il cervello sempre in forma

Condividi:

Con il passare degli anni, mantenere il proprio cervello sempre scattante, cercando di contrastare l’orologio biologico, può essere difficile. Ma oggi, anche grazie a qualche accorgimento a tavola, e non solo, si può tentare. Qualche segreto? Li rivela Valter Longo, Direttore dell’Istituto di longevità della School of Gerontology presso l’University of Southern California di Los Angeles. “Oggi il ruolo delle strategie…

Leggi

Occhio: dalla grandezza delle pupille si stima l’intelligenza

Condividi:

Secondo i risultati di una ricerca pubblicata sulla rivista Cognitive Psychology, condotta presso il Georgia Institute of Technology, la grandezza delle pupille sembra essere un ottimo indicatore delle capacità mentali di un individuo. Lo studio ha coinvolto 512 individui che sono stati sottoposti a una serie di test cognitivi, per misurare in particolare la loro memoria di lavoro (parte della…

Leggi

Cervello: i bilingue hanno migliori capacità di controllare la concentrazione

Condividi:

Secondo quanto emerge da uno studio dell’Università di Birmingham, pubblicato sulla rivista Bilingualism: Language and Cognition, le persone bilingue sono dotate di una ‘super-attenzione’. Hanno infatti capacità di controllo della concentrazione avanzate, che permettono loro di focalizzarsi meglio su compiti specifici rispetto a chi parla una sola lingua. Merito di una mente elastica, ‘allenata’ a passare spesso da un linguaggio…

Leggi

Demenza: pronta guida pratica per preservare le funzioni mentali

Condividi:

“Promuovere il benessere nella persona con demenza. Una guida pratica per la stimolazione cognitiva ad uso del familiare e del caregiver” è il titolo e la finalità di un nuovo libro pensato per aiutare i pazienti con demenza a contrastare la perdita di memoria e altre funzioni mentali, rallentando il decorso della malattia. Il libro (Franco Angeli editore) propone 150 pagine…

Leggi

Gravidanza: mangiare più frutta favorisce l’intelligenza del nascituro

Condividi:

Le future mamme che mangiano più frutta durante la gravidanza, avranno figli con migliori risultati dal punto di vista dello sviluppo cognitivo, già al primo anno di età. Lo ha verificato uno studio dell’Università canadese di Alberta, pubblicato sulla rivista EbioMedicine. ”Volevamo identificare i fattori che influiscono sullo sviluppo cognitivo – spiega Piush Mandhane, coordinatore dello studio – e abbiamo…

Leggi

Cervello: lavoro a turni intacca funzioni cognitive

Condividi:

Chi lavora in turnazione sa bene quanto queste condizioni di lavoro possano provocare diversi disagi e in alcuni casi conseguenze molto serie per la salute. A tutto ciò bisogna aggiungere che, come appena dimostrato, il lavoro a turni, potrebbe compromettere le funzioni cognitive accelerando l’invecchiamento del cervello; l’effetto della turnazione sul cervello, però, è reversibile se si cessa l’impiego. Lo…

Leggi

Niente distrazioni quando si gioca con i bimbi

Condividi:

I genitori che intendono collaborare attivamente allo sviluppo delle funzioni cognitive del proprio bimbo è bene che sappiano che giocando con loro dovrebbero evitare ogni possibile elemento di distrazione. In pratica è meglio eliminare i telefonini dal terreno di gioco, o quant’altro possa distrarre genitore e bambino. Bisogna quindi essere concentrati quando si gioca con i bimbi, in modo da…

Leggi

Spuntini notturni ancora sotto accusa

Condividi:

Gli spuntini notturni non godono certo di una buona reputazione, prima di tutto perché in diversi studi sono stati sospettati di danneggiare la silhouette e ora anche per gli effetti negativi sulla memoria. E’ quanto suggerisce uno studio su animali pubblicato sulla rivista eLIFE e condotto da Dawn Loh della University of California, Los Angeles che – sul magazine New Scientist…

Leggi

La corsa aiuta anche le funzioni cerebrali

Condividi:

Correre fa bene, ma non si tratta solo di migliorare la circolazione del sangue e la forza muscolare delle gambe; sembra, infatti, che proprio l’esercizio fisico della corsa possa favorire lo sviluppo di nuove cellule cerebrali. Un effetto benefico molto importante che può arrivare a migliorare le funzioni dell’apprendimento e della memoria, supportando le capacità cognitive del cervello ed è potenzialmente…

Leggi

Il grasso fa male al cervello

Condividi:

Seguire una dieta abituale troppo ricca di grassi porta all’obesità; forse, però, non tutti sanno che in questa condizione si iniziano a consumare le connessioni tra i neuroni, provocando un decadimento della memoria e delle funzioni cognitive. Per fortuna, però, ritornando a una dieta povera di grassi e a un peso normale, si può invertire questa tendenza. Lo dimostra uno studio…

Leggi

I piccoli sportivi saranno bravi scolari

Condividi:

Praticare regolarmente un’attività sportiva già in età prescolare giova allo sviluppo delle funzioni cerebrali dei piccoli migliorando le loro capacità di concentrazione e le funzioni cognitive. In futuro, questi miglioramenti favoriranno anche il rendimento scolastico. E’ quanto dimostrato in uno studio condotto da Linda Pagani dell’università di Montreal. La ricercatrice, canadese da genitori italiani, ha presentato il suo lavoro in occasione…

Leggi

MIND: la dieta giusta per preservare la “mente”

Condividi:

Seguire rigorosamente la dieta MIND (Diet Intervention for Neurodegenerative Delay)  potrebbe rallentare il declino cognitivo tipico dell’invecchiamento, anche se non si è a rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. La scoperta, pubblicata online sulla rivista Alzheimer’s & Dementia, va ad aggiungersi a un precedente studio dello stesso gruppo di ricerca che ha scoperto che la dieta MIND (che in…

Leggi

Dieta mediterranea: elisir di lunga vita

Condividi:

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Jama,  seguire ua dieta mediterranea, ossia un modello alimentare cardioprotettivo ricco di antiossidanti, potrebbe ritardare il declino cognitivo tipico degli anziani. In uno studio, condotto in Spagana, 447 volontari cognitivamente sani di Barcellona (tra cui 223 donne con un’età media di 67 anni) già considerati ad alto rischio cardiovascolare, sono stati arruolati nell’ambito di un intervento di prevenzione…

Leggi