Troppe donne bevitrici e fumatrici anche in gravidanza

9 luglio, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_243883390Bere alcol durante la gravidanza è un’abitudine comune,  come rivela uno studio pubblicato sulla rivista online BMJ Open;  dal 20% al 80% delle donne intervistate (su un totale di quasi 18.000) nel Regno Unito, in Irlanda, Australia e Nuova Zelanda.

Prima di tutto si è evidenziato che le donne che hanno dichiarato di bere alcol durante la gravidanza, appartenevano a tutti gli strati sociali ed erano più propense al bere se erano anche fumatrici.

I ricercatori basano le loro conclusioni su una analisi dei dati provenienti da tre studi: The Growing up in Irland (GUI) study; the Screening for Pregnancy Endpoints (SCOPE); e il Pregnancy Risk Assessment Monitoring System (PRAMS).

Gli studi hanno variamente valutato la quantità e il tipo di alcol bevuto prima e durante la gravidanza e hanno coinvolto 17.244 donne che hanno partorito bambini vivi nel Regno Unito, in Irlanda, Australia e Nuova Zelanda. La prevalenza di consumo di alcol variava dal 20% al 80% in Irlanda, e dal 40% al 80% nel Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda.

L’Irlanda è emersa come il paese con il più alto tasso di bevitrici, sia prima (90%) e durante (82%) la gravidanza, e di binge drinking (sbornia), prima (59%) e nel corso (45%) della gravidanza, sulla base di stime dello studio SCOPE. Ma la prevalenza esatta potrebbe essere di gran lunga inferiore alle stime del bere durante la gravidanza rilevate dallo studio PRAMS e GUI (20-46%) , con solo il 3% delle donne che hanno riportato sbornie nello studio PRAMS, avvertono i ricercatori.

La quantità di alcol bevuto varia tra i tre studi. Tra il 15% e il 70% delle donne ha detto che avevano bevuto 1-2 unità a settimana durante i primi tre mesi (trimestre) di gravidanza. Ma il numero di unità riportate è sceso sostanzialmente in tutti i paesi tra il primo e il secondo trimestre, così come le sbornie riferite.

Inoltre, rispetto alle donne bianche, quelle di altre etnie avevano meno probabilità di bere alcolici durante la gravidanza, mentre le donne più giovani (30-39 anni) erano meno propense al bere alcol rispetto alle donne più anziane. E ancora, avere figli sovrappeso/obesi, e un elevato livello d’istruzione, erano fattori associati con un minor rischio di bere durante la gravidanza.

Ma il fattore con la forza predittiva maggiore e coerente per un elevato rischio di bere alcol durante la gravidanza in tutti e tre gli studi era il fumo. Le donne fumatrici mostravano una più elevata (17-50% in più) propensione al bere durante la gravidanza rispetto alle non fumatrici.

Dunque, nonostante le raccomandazioni internazionali sulla gravidanza siano giustamente restrittive per i consumi di alcol “L’uso di alcol durante la gravidanza è molto diffuso, e le prove di questa analisi di confronto dimostrano che l’esposizione gestazionale all’alcol può verificarsi in oltre il 75% delle gravidanze nel Regno Unito e in Irlanda” – sottolineano i ricercatori.

Tuttavia, la maggior parte di queste donne ha consumato alcol a piccole dosi e il numero di donne in gravidanza che hanno bevuto pesantemente nei tre studi era esiguo. “In ogni caso – insistono gli autori dello studio “dato che i rischi del bere in gravidanza, non sono ancora completamente noti, l’opzione più sensata è non bere alcol durante la gravidanza”.

“Dal momento che non vi sono prove sufficienti per definire gli effetti dell’alcol sulla prole, seppure relativi a piccoli consumi,  la preoccupazione per tali probabili effetti rimane giustamente elevata” – concludono.

Tag:, , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*