Troppi grassi e zuccheri alterano le funzioni cerebrali

28 giugno, 2015 nessun commento


Share

cervelloUno studio della Oregon State University indica che una dieta ad elevato contenuto di grassi e una dieta ricca di zucchero, rispetto ad una dieta normale, causano cambiamenti nei batteri intestinali che sembrano legati a una significativa perdita della “flessibilità cognitiva”, ossia il potere di adattarsi a situazioni mutevoli. Questo effetto è stato più grave con la dieta ad alto contenuto di zucchero, che ha anche mostrato un deterioramento precoce dell’apprendimento e della memoria a lungo termine e a breve termine.

I risultati sono in linea con altri studi sull’impatto di grassi e zuccheri sulle funzioni cognitive e e comportamentali, e suggeriscono che alcuni di questi problemi potrebbero essere legati alterazione del microbioma – il complesso della flora presente nel sistema digerente composta da circa 100.000 miliardi di microrganismi .

La ricerca è stata effettuata con topi di laboratorio che hanno consumato diverse diete e poi affrontato una serie di test, per monitorare i cambiamenti nelle loro funzioni mentali e fisiche, e le relative conseguenze per i vari tipi di batteri. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Neuroscience.

“E’ sempre più chiaro che i nostri batteri intestinali, siano in grado di comunicare con il cervello umano”, ha detto Kathy Magnusson, professoressa del OSU College of Veterinary Medicine e ricercatore del Linus Pauling Institute.

“I batteri possono rilasciare composti che agiscono come neurotrasmettitori, stimolano i nervi sensoriali o il sistema immunitario, e riguardano una vasta gamma di funzioni biologiche”, ha detto. “Non siamo sicuri sul fatto che che si inviano messaggi, ma stiamo rintracciando i percorsi e gli effetti.” “I topi hanno dimostrato di essere un buon modello per gli studi sugli esseri umani”, ha detto Magnusson”, – “su temi come l’invecchiamento, la memoria spaziale, l’obesità e altri” – ha precisato.

In questa ricerca, dopo quattro settimane con una dieta a elevato contenuto di grassi o di zuccheri, le prestazioni mentali e fisiche dei topi cominciarono a deteriorarsi, rispetto s quele dei topi a dieta normale. Uno dei cambiamenti più pronunciati era nella flessibilità cognitiva.

“La perdita di valore nella flessibilità cognitiva in questo studio è stata piuttosto forte”, ha detto Magnusson. “Pensate per esempio al percorso verso casa su una rotta che vi è molto familiare, per l’abitudine quotidiana. Poi un giorno quella strada viene chiusa e si deve improvvisamente di trovare una nuova strada di casa.” Una persona con un alto livello di flessibilità cognitiva dovrebbe adattarsi subito al cambiamento, determinando rapidamente un nuovo percorso, e ricordandosi di utilizzare lo stesso percorso la mattina seguente. Ma con la flessibilità alterata, il percorso diventa lungo e stressante”.

Se si pensa alla “dieta occidentale” – ha continuato la  Magnusson – “ricca di grassi e zuccheri, che protratta a lungo nei soggetti più anziani, comporta una serie di malattie croniche negli Stati Uniti tra cui l’epidemia di obesità e una maggiore incidenza della malattia di Alzheimer” – “ i risultati di questo lavoro suggeriscono che grassi e zuccheri stanno alterando i sistemi batterici sani, e questo è uno dei motivi per cui questi alimenti non sono sani. Non è solo il cibo che potrebbe influenzare il cervello, ma un’interazione tra il cibo e il microbioma intestinale” – conclude.

Tag:, , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*