Gravidanza: un ormone per interrompere il ciclo vizioso dell’obesità

2 ottobre, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_232134673Poiché l’obesità nelle donne incinte è in progressivo aumento negli Stati Uniti e nel mondo occidentale, gli scienziati della University of Colorado Anschutz Medical Campus hanno scoperto che l’aumento di un ormone specifico nelle donne in gravidanza potrebbe ridurre o eliminare le probabilità che anche il loro bimbo diventi obeso.

“Negli Stati Uniti, quasi i due terzi delle donne affrontano la gravidanza già in sovrappeso o obese” – ha detto l’autore senior dello studio il professor Thomas Jansson, della University of Colorado Anschutz Medical Campus. “Questo le rende suscettibili al diabete gestazionale, al parto pretermine e alla preeclampsia (detta anche gestosi gravidica – comparsa improvvisa di ipertensione, edema e proteinuria che mette a rischio la vita della donna e del feto). Allo stesso tempo, il loro bambino nasce spesso più grosso e grasso del normale.”

“I bambini nati da donne obese tendono spesso a diventare obesi, così, così si crea un circolo vizioso che sostiene l’epidemia dell’obesità” ha detto Jansson.

Così Jansson è il suo team di ricercatori hanno tentato di scoprire come si può interrompere il ciclo vizioso, dedicando particolare attenzione all’ormone chiamato “adiponectina”, che rende le persone sensibili all’insulina. Alti livelli nel sangue di questo ormone contrastano l’obesità e il diabete, mentre bassi livelli aumentano il rischio di tali malattie.

“L’adiponectina agisce come un “freno” sulla quantità di nutrienti che sono trasferiti da una donna incinta al suo feto attraverso la placenta. Bassi livelli di adiponectina nella donna incinta inducono a “rilasciare il freno” con conseguente aumento di peso e di accumulo di grasso corporeo nel bambino” – ha spiegato Jansson.

I ricercatori hanno infuso delle femmine di topo gravide con l’adiponectina negli ultimi quattro giorni del loro periodo di gestazione di 20 giorni, normalizzando i livelli efficaci dell’ormone.

“In questo modo si sono completamente invertiti tutti gli effetti negativi sulla placenta” – ha aggiunto Jansson. “I piccoli nati dalle gestanti obese avevano pesi completamente normali. E anche i loro livelli di glucosio erano normali. Siamo stati in grado di prevenire tutte le normali conseguenze negative di questo tipo di gravidanze a rischio.”

“Questa è il prima volta che si fa un tale esperimento”. “Questo ormone o un agente simile potrebbe plausibilmente agire nello stesso modo anche per l’uomo” – ha precisato Jansson. Un altro gruppo di ricercatori ha sviluppato un composto simile all’adiponectina che può essere assunto per via orale ed è ora sperimentato in alcuni studi clinici sull’uomo.

“Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche e studi prolungati sui topi. Abbiamo posto le basi per ciò che, in ultima analisi, potrebbe contribuire a spezzare il ciclo vizioso dell’obesità che è giunta a proporzioni epidemiche nella nostra società” – ha concluso Jansson.

Tag:, , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*