L’attività fisica riduce il rischio di cancro al seno

Condividi:
Aumentare i livelli di attività fisica e ridurre la sedentarietà riduce il rischio di cancro al seno, secondo i risultati di una ricerca pubblicata dal British Journal of Sports Medicine e progettata proprio per cercare nuove prove del nesso di causalità tra attività fisica e rischio di cancro. I risultati erano generalmente coerenti in tutti i tipi e gli stadi della malattia.
 
I ricercatori hanno usato la randomizzazione mendeliana per valutare se l’attività fisica e il tempo trascorso seduti potessero essere causalmente correlati al rischio di cancro al seno in generale e in particolare di diversi tipi di tumore. La randomizzazione mendeliana è una tecnica che utilizza varianti genetiche (in questo caso i ricercatori hanno usato polimorfismi a singolo nucleotide (SNP) della biobanca britannica  associati  all’attività fisica per tutta la vita o al tempo trascorso in modo sedentario) per un particolare fattore di rischio, al fine di ottenere prove genetiche a sostegno di una relazione causale.
 
Hanno incluso i dati di 130.957 donne di origine europea: 69.838 di loro avevano tumori invasivi, 6.667 aveva tumori in situ e 54.452 non avevano il cancro al seno. Le donne hanno partecipato a 76 studi sotto l’egida del Breast Cancer Association Consortium (BCAC), un forum di ricercatori interessati al rischio ereditario di cancro al seno. I ricercatori hanno quindi attinto a studi precedentemente pubblicati che avevano utilizzato il vasto archivio di dati della biobanca britannica su potenziali spiegazioni genetiche per la predisposizione generale all’attività fisica, all’attività fisica intensa o alla sedentarietà, misurate con rilevatori di attività indossati dal polso, per prevedere geneticamente come erano fisicamente attivi o inattivi i propri partecipanti allo studio.
 
Successivamente, i ricercatori hanno stimato il rischio complessivo di cancro al seno, a seconda che le donne avessero o meno attraversato la menopausa e per tipo di cancro, stadio e grado. Questi gruppi caso-controllo comprendevano: 23.999 donne in pre/peri-menopausa con carcinoma mammario invasivo e 17.686 donne senza; 45.839 donne in postmenopausa con cancro al seno e 36.766 senza. In tutto, c’erano 46.528 tumori positivi al recettore degli estrogeni e 11.246 controlli; 34.891 tumori positivi al recettore del progesterone e 16.432 controlli; 6.945 tumori HER2 positivi e 33.214 controlli; 1.974 casi tripli positivi; e 4.964 casi tripli negativi. Ci sono stati 42.223 casi di tumori duttali/lobulari invasivi e 8.795 controlli e 3.510 casi di carcinoma duttale in situ; 17.583 tumori di stadio 1, 15.992 di stadio 2 e 4.553 di stadio 3-4; 34.647 tumori cellulari moderatamente anormali e 16.432 tumori cellulari altamente anormali.
 
L’analisi dei dati ha mostrato che un livello generale più elevato di attività fisica predetto geneticamente era associato a un rischio inferiore del 41% di cancro al seno invasivo, e questo era in gran parte indipendentemente dallo stato della menopausa, dal tipo, dallo stadio o dal grado del tumore. Allo stesso modo, un’attività fisica intensa geneticamente prevista per 3 o più giorni della settimana era associata a un rischio inferiore del 38% di cancro al seno, rispetto a nessuna attività intensa auto-riferita. Questi risultati erano coerenti nella maggior parte dei gruppi di casi. Infine, un livello maggiore di tempo di seduta geneticamente previsto è stato associato a un rischio del 104% più alto di cancro al seno triplo negativo. Questi risultati erano coerenti tra i tipi di tumore ormone-negativo. I risultati sono rimasti invariati dopo aver preso in considerazione la produzione da parte di un singolo gene di due o più effetti apparentemente non correlati (pleiotropia), come il fumo e il sovrappeso, per esempio. 
 
 Gli autori concludono: “Spesso si consiglia di aumentare l’attività fisica e ridurre il tempo trascorso in modo sedentario. Il nostro studio aggiunge ulteriori prove del fatto che è probabile che tali cambiamenti comportamentali riducano l’incidenza dei futuri tassi di cancro al seno. Quindi si consiglia un maggiore focus sull’attività fisica e sulla sedentarietà come fattori di rischio di cancro modificabili”.
 
Bibliografia:
 
Suzanne C Dixon-Suen et al., Physical activity, sedentary time and breast cancer risk: a Mendelian randomisation study. http://dx.doi.org/10.1136/bjsports-2021-105132

Articoli correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Nutri&Previeni © 2022