Un adeguato consumo di acqua può ridurre il rischio di ipertensione

Condividi:

Bere una quantità adeguata di semplice acqua ogni giorno potrebbe offrire un effetto preventivo sull’ipertensione. Questo è quanto conclude uno studio pubblicato su Frontiers in Public Health, e diretto da Shizhen Li, del Second Xiangya Hospital, Central South University, Changsha, Hunan, Cina. “Il nostro lavoro mirava a valutare l’associazione prospettica tra il consumo di acqua senza nulla di aggiunto e il…

Leggi

Gravidanza. Ecografia quantitativa prevede il rischio di parto prematuro

Condividi:

Attraverso l’analisi dei cambiamenti microstrutturali nella cervice uterina, valutati con un’ecografia quantitativa, un team americano è riuscito a sviluppare un metodo che già alla 23esima settimana di gravidanza riesce a prevedere se una gestante è a rischio di parto prematuro. I risultati dell’indagine, coordinata da un gruppo dell’Università dell’Illinois, sono stati pubblicati dall’American Journal of Obstetrics & Gynecology Maternal Fetal…

Leggi

Rosolia. Niente più screening in gravidanza

Condividi:

Scompare la raccomandazione allo screening per la rosolia per le donne in gravidanza nella prima parte delle nuove linee guida sulla Gravidanza fisiologica elaborate dal Sistema nazionale linee guida (SNLG) dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), che racchiude al suo interno tre raccomandazioni ad hoc sulla malattia infettiva. La raccomandazione a non offrire lo screening di questa infezione in gravidanza, spiega sinteticamente l’Iss…

Leggi

Erbe medicinali contro l’artrite gottosa

Condividi:

Nel 2023, esperti del College of Korean Medicine e della Gachon University hanno condotto una revisione sistematica e meta-analisi, pubblicata sulla rivista Medicine, focalizzandosi sull’artrite gottosa acuta e l’uso di erbe medicinali a uso esterno. La patologia, caratterizzata da dolori intensi durante gli attacchi acuti, è stata al centro dell’indagine volta a esaminare l’efficacia e la sicurezza delle medicine a base di erbe. La meta-analisi ha…

Leggi

Proteine vegetali e vitamine possono ridurre il rischio di diabete di tipo 2

Condividi:

Seguire un modello nutrizionale con prevalenza di proteine vegetali, vitamina C, vitamina A, vitamina B2, potassio e calcio è collegato a una minore probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2, secondo uno studio pubblicato su BMC Endocrine Disorders. “Sebbene l’importanza della dieta nella prevenzione o nella gestione delle complicanze del diabete sia ben evidenziata nella letteratura attuale, non vi…

Leggi

Blue monday, via la tristezza con cibo del buonumore

Condividi:

Dalle mandorle al petto di pollo, dal provolone fino al tuorlo d’uovo, il Blue Monday si combatte a tavola con i cibi anti-tristezza che aiutano a ritrovare il buonumore aumentando il contenuto di serotonina nell’organismo e il benessere psicofisico. E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione del giorno più triste dell’anno che cade il 15 gennaio, ovvero il terzo lunedì…

Leggi

Dal microbioma individuati nuovi potenziali markers di malattia infiammatoria intestinale

Condividi:

Attraverso l’applicazione di un nuovo approccio, noto come metabolomica inversa, che combina sintesi organica, scienza dei dati e spettrometria di massa per comprendere al meglio quali molecole vengono secrete dal microbioma e come influenzano la salute dell’uomo, un team dell’Università della California di San Diego (USA) ha individuato nuovi possibili biomarker delle malattie infiammatorie intestinali (IBD). I risultati della ricerca…

Leggi

Un adolescente su dieci utilizza prodotti dimagranti senza ricetta

Condividi:

Un adolescente su 10, a livello globale, ha utilizzato nella propria vita prodotti per la perdita di peso non prescritti, inefficaci e potenzialmente dannosi. Lo ha rilevato un gruppo di ricercatori della Monash University, secondo il quale c’è addirittura un 2%  che li ha utilizzati nella settimana precedente allo studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association Network Open. Tra i prodotti…

Leggi

La depressione fa ingrassare le persone già in sovrappeso e con obesità

Condividi:

Un aumento dei sintomi della depressione si associa, nel mese successivo alla comparsa, a un incremento del peso corporeo. A questa conclusione è giunto lo studio condotto da un team dell’University of Cambridge, nel Regno Unito. Lo studioIl team di Cambridge ha esaminato dati relativi a oltre duemila adulti nel Regno Unito, reclutati per lo studio Fenland Covid-19. I partecipanti…

Leggi

Depressione peripartum. Pubblicate dall’Iss le Linee guida per prevenzione, screening e trattamento

Condividi:

La gravidanza e il primo anno dopo il parto, noti come periodo perinatale, costituiscono una fase di enormi cambiamenti fisiologici, psicologici e sociali nella vita delle donne. Si stima che 1 donna su 5 sviluppi problemi di salute mentale nel periodo perinatale, in particolare depressione e ansia che sono i disturbi più frequenti. La depressione peripartum (PPD) può influire negativamente…

Leggi

Frutta secca e datteri ricchi di sostanze salutari  

Condividi:

Spazio a tutta la frutta secca che dovrebbe diventare una costante della dieta quotidiana anche a piccole dosi. Tra datteri, prugne secche e noci, si fa il pieno di antiossidanti e altre sostanze salutari. Secondo uno studio pubblicato su Nutrients, le noci migliorano il girovita, i livelli di grassi e di ormone insulina nel sangue, anche senza fare una dieta…

Leggi

Gestione del reflusso nei neonati: serve maggiore attenzione

Condividi:

Uno studio pubblicato su Acta Paediatrica riferisce i risultati di un consenso Delphi riguardante il reflusso gastroesofageo nei neonati. “Il reflusso gastroesofageo infantile è per lo più benigno; tuttavia, se è associato a complicazioni come la mancata crescita, può essere indicativo di una vera e propria malattia da reflusso gastroesofageo” esordisce Yvan Vandenplas, della Vrije Universiteit Brussel (VUB), Brussels, Belgio, primo…

Leggi

Esposizione ad alcuni metalli nelle prime fasi di gravidanza associata a diabete gestazionale

Condividi:

L’esposizione a zinco, rame, ferro e calcio durante le prime fasi della gravidanza ha mostrato un’associazione positiva con il diabete mellito gestazionale, secondo uno studio pubblicato su Frontiers in Nutrition. “Minerali e oligoelementi sono coinvolti nella patogenesi e nella progressione del diabete. Tuttavia, l’associazione tra esposizione mista a elementi essenziali ed elementi tossici e diabete mellito gestazionale (GDM) è poco…

Leggi

Anoressia nervosa associata a cronotipo mattutino

Condividi:

L’anoressia nervosa è associata all’abitudine di alzarsi presto, a differenza di altri disturbi – come la depressione e la schizofrenia – che tendono a manifestarsi maggiormente tra chi predilige le ore serali. È quanto rileva una ricerca pubblicata da JAMA Network Open, condotta da un team del Massachusetts General Hospital. Lo studioIn letteratura già alcuni studi avevano evidenziato una possibile…

Leggi

Ruolo dell’attività fisica nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali

Condividi:

In una popolazione di pazienti con malattia infiammatoria intestinale (IBD) proveniente dall’Italia meridionale è stato registrato un basso tasso di attività fisica. A mostrarlo sono stati Antonietta Gerarda Gravina e colleghi dell’Università della Campania Luigi Vanvitalli, a Napoli, secondo i quali, l’importanza dell’attività fisica dovrebbe essere discussa con il gastroenterologo di riferimento. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul…

Leggi

Coppette mestruali ridurrebbero il rischio di infezione da HSV-2

Condividi:

L’utilizzo delle coppette mestruali potrebbe fornire benefici alla salute riproduttiva delle donne ed è una soluzione accettabile e duratura per il ciclo. È quanto mostra una ricerca coordinata da Garazi Zulaika della Liverpool School of Tropical Medicine e pubblicata su eClinicalMedicine. Il virus HSV-2 causa herpes genitale e può triplicare il rischio di andare incontro a infezione da HIV. Per…

Leggi

Gravidanza: esposizione prenatale ad inquinanti ambientali correlabile a cambiamenti nella crescita

Condividi:

Uno studio pubblicato su Environmental Health Perspectives ha mostrato che l’esposizione prenatale ad alcuni inquinanti ambientali e a loro miscele sarebbe collegata a un accelerato aumento di indice di massa corporea (BMI) tra la nascita e l’età di nove anni. La ricerca è stata condotta da un gruppo del Barcelona Institute for Global Health. Lo studio ha coinvolto 1.911 coppie…

Leggi