Adolescenti e alcol: bevono meno e cominciano più tardi

19 novembre, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_220333699Ultimamente gli adolescenti sono più contenuti nei consumi di alcolici: ne bevono meno e cominciano a berne più tardi. Tuttavia, in famiglia, si parla poco di alcool. Questo è quanto emerge da un’indagine presentata dall’Opga (Osservatorio Permanente Giovani e Alcool), presso la Clinica Pediatrica  dell’Università di Pavia, in occasione di un seminario. Secondo la ricerca della Sima (Società Italiana Medicina  dell’Adolescenza), in collaborazione con il Laboratorio Adolescenza, su un campione di 2.156 13/14enni e i cui risultati  sono stati confrontati col 2012, il 16,6% dei giovani non ha mai  provato una bevanda alcolica (-7,2%).

Aumentano i non bevitori e si riducono sia i bevitori occasionali (-8,3%) che quelli  abituali (- 8,8%). Viene ritardato soprattutto il primo  assaggio: per il 37,8% avviene dopo i 10 anni(-3,8% rispetto al  2012) con le ragazze meno precoci dei maschi. In un contesto  guidato da figure familiari nel 76% dei casi (soprattutto  genitori), solo l’11% fa la prima esperienza esclusivamente con  coetanei. I primi consumi avvengono ai pasti (39,8%) e in circostanze speciali come feste (11,6%) e la preferenza dei ragazzi va a  drink poco alcolici, seguiti da birra e vino.

Dalla ricerca  emerge anche che il 18,5% dei giovani ha sperimentato l’ubriachezza almeno una volta, in lieve flessione rispetto al 2012 (19,9%), mentre per più episodi di ubriachezza si scende  dal 6,8% al 4,8%. I giovani del Sud toccano la punta massima di abuso (23,3%)  contro il 12,5% del Nord-Est. In ogni caso, se la famiglia sembra avere una  funzione protettiva contro gli eccessi, rispetto agli amici, il  consumo o abuso di alcol non sembra molto presente nelle discussioni: le famiglie che trattano frequentemente coi figli il problema sono solo una su sei, mentre il 52,9% lo ha fatto raramente e il 28,9% mai. I giovani affermano di bere per “adeguarsi al gruppo” (46,8% contro il 45,1% del 2012), per “divertirsi” (43,3% contro il 59% del 2012) e per dimenticare i problemi (37,9%).

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*