Allergie e intolleranze alimentari sono davvero in aumento? Gli italiani ne sanno poco

21 giugno, 2017 nessun commento


Share

Negli ultimi anni cresce il numero di persone che ritiene di soffrire di allergie e intolleranze alimentari, ma è meglio riflettere su queste affermazioni. A dirlo è Giuseppe Fatati, presidente dell’Associazione che riunisce i dietisti italiani (Fondazione Adi) e coordinatore scientifico di uno studio condotto con l’Osservatorio Nestle’ sulle conoscenze degli italiani in ambito nutrizionale.

“In questi ultimi anni è cresciuto il numero di pazienti che dichiara di soffrire di improbabili allergie o intolleranze. Un dato deve farci riflettere: è molto probabile che il dilagare di allarmismi infondati dipenda da uno scorretto metodo di informazione e di diagnosi fai-da-te”.

Nello studio si richiedeva agli italiani quanto ne sapessero su alcuni argomenti legati all’alimentazione: in particolare, sulla nutrigenomica, sugli acidi grassi e sulle intolleranze e allergie alimentari.

Sulla nutrigenomica ha risposto bene un terzo (33%) del campione, riconoscendola come la scienza che studia gli effetti che gli alimenti hanno all’interno delle cellule; ci sono stati però, tra gli altri, un 27% di astenuti e un 39% con una risposta “plausibile ma errata”.

Grande confusione invece sulle domande relative agli acidi grassi presenti nel latte materno: “Il 95% delle donne – riporta l’Osservatorio – ha risposto in maniera scorretta o si è astenuto”.

Sul fronte delle intolleranze e allergie, invece, la ricerca ha ‘promosso’ gli italiani sul latte (l’85% sa che l’intolleranza dipende dalla carenza di un enzima) ma ‘bocciati’ sul lievito: “Il 12% dichiara di esserne intollerante, soprattutto le persone obese. Questa intolleranza, però, non è scientificamente provata”.

“C’è ancora troppa confusione – ha concluso Fatati – quindi, un primo passo verso una maggiore consapevolezza potrebbe essere l’affidarsi un po’ meno all’esperienza personale e a lasciare al medico la diagnosi di reali patologie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*