Appello parlamentari europei: “Obesità sia riconosciuta come malattia cronica”

19 maggio, 2016 nessun commento


Share

obesità mondoL’obesità non è solo un questione estetica, è bene che tutti ne prendano coscienza: è una grave malattia cronica e come tale va riconosciuta, prevenuta e affrontata anche con il supporto di politiche sanitarie adeguate. Oltre a tutte le conseguenze possibili ed immaginabili per la salute, l’obesità, come è provato da numerosi studi, riduce l’aspettativa di vita di 10 anni, causa disagio sociale e fomenta atti di bullismo giovanile. Di fatto, secondo uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet, l’obesità è aumentata in maniera drammatica negli ultimi 40 anni nel mondo e il futuro immediato è molto preoccupante per una tendenza in crescita di questa “epidemia”.

L’appello
Per tutte queste ragioni, sotto la spinta della Società europea dell’obesità (Easo) e delle associazioni scientifiche nazionali, un gruppo di parlamentari europei di tutti gli schieramenti politici, riunitosi in occasione della presentazione della ‘Giornata europea dell’obesità, che si svolgerà il 21 maggio, ha promosso una “dichiarazione scritta” che invita Commissione europea e Consiglio d’Europa “ad agire in vista di un riconoscimento armonizzato, a livello europeo, dell’obesità come malattia cronica”. “Si stima che l’obesità colpirà, entro il 2030, il 50% dei cittadini europei e in molti Paesi, tra persone obese e sovrappeso, si raggiungerà il 90% della popolazione”, ha detto Paolo Sbraccia, Presidente della Società italiana dell’obesità (Sio).

“Come parlamentare italiano, non posso non associarmi all’invito della comunità scientifica nazionale e internazionale, sollecitando i colleghi Italiani eletti a Strasburgo ad aderire all’iniziativa”, ha detto Laura Bianconi, membro della XII Commissione Igiene e Sanità del Senato. Sulla necessità che le Istituzioni europee e il Governo italiano prestino la massima attenzione al tema dell’obesità si è espresso, infine, anche Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss). “Per la prima volta nella storia di questo Paese – ha ricordato – il Rapporto ‘Osservasalute’ riscontra come l’aspettativa di vita degli italiani sia diminuita rispetto al passato: per gli uomini è stata di 80,1 anni nel 2015 rispetto agli 80,3 dell’anno precedente; analogo trend per le donne, con 84,7 anni contro 85,0. La colpa sta nella scarsa propensione degli italiani alla prevenzione e nella poca attenzione verso uno stile di vita adeguato a ridurre il rischio delle malattie”, croniche non trasmissibili come obesità, diabete e disturbi cardiovascolari”.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*