Curcumina: aggiunta alla dieta può ridurre la progressione di patologie metaboliche

Condividi:

Secondo una revisione della letteratura pubblicata su Food & Function, la curcumina potrebbe essere utile nel migliorare alcune complicanze dei problemi metabolici, tra cui il diabete di tipo 2, ma saranno ancora necessari approfondimenti per capire il profilo di assorbimento e biodisponibilità, e ottimizzare le dosi terapeutiche più efficaci.

“Lo stress ossidativo e l’infiammazione rimangono le principali complicanze implicate nello sviluppo e nella progressione delle patologie metaboliche, tra cui l’obesità, il diabete di tipo 2 e la steatosi epatica non alcolica (NAFLD)” spiega Kabelo Mokgalaboni, della University of KwaZulu-Natal, Durban Sud Africa, primo nome dello studio. “C’è un interesse generale nella comprensione degli effetti terapeutici di alcuni importanti composti bioattivi di origine alimentare come la curcumina contro diverse malattie metaboliche, proprio per le loro proprietà antiossidanti e antinfiammatorie” prosegue.

I ricercatori hanno approfondito l’argomento attraverso una ricerca sistematica su database online come MEDLINE, Scopus e Google Scholar, concentrandosi su studi randomizzati controllati che riferissero dell’impatto dell’integrazione di curcumina in individui con diverse complicanze metaboliche, tra cui obesità, diabete di tipo 2 e NAFLD.

L’analisi dei dati suggerisce che l’integrazione di curcumina può ridurre significativamente i livelli di glucosio e di trigliceridi nel sangue, e dei marcatori della funzionalità epatica come l’alanina aminotransferasi (ALT) e l’aspartato aminotransferasi (AST), in pazienti con diabete di tipo 2 e NAFLD. È importante sottolineare che questo effetto è stato coerente con la riduzione dei marcatori predominanti di stress ossidativo e infiammazione, come i livelli di malonaldeide (MDA), il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α), la proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hs-CRP) e la proteina-1 chemiotattica dei monociti (MCP-1) in questi pazienti.

Food Funct. 2021 Nov 30. doi: 10.1039/d1fo02696h. Online ahead of print. 

Articoli correlati

Lascia un commento

*