Dolci: mangiarne troppi fa perdere il gusto e fa abbuffare

8 Maggio, 2019 nessun commento


Condividi:

Grandi abbuffate senza il gusto e il piacere di mangiare. Sarebbe questo l’effetto di un eccessivo consumo di dolci. A indicarlo è una ricerca condotta su moscerini della frutta che potrebbe aprire le porte a nuove strategie contro l’obesità. Pubblicato su Cell Reports, il risultato si deve al gruppo dell’università americana del Michigan, coordinato da Monica Dus.

Alcuni studi suggeriscono che uno dei motivi per cui le persone obese mangiano troppo è perché non gustano il cibo, specialmente i dolci. Ma non è stato ancora compreso se l’obesità stessa o il consumo di determinati alimenti possano causare cambiamenti nel gusto e in che modo questi cambiamenti influenzino l’appetito e l’obesità.

I ricercatori hanno cercato indizi nei moscerini della frutta, ovvero la Drosophila melanogaster, perché condividono con l’uomo sorprendenti somiglianze: entrambi amano lo zucchero e, dopo averlo mangiato, nel cervello producono un neurotrasmettitore chiamato dopamina.

L’esperimento è stato condotto in tre fasi. Nella prima, moscerini geneticamente obesi, cioè con la tendenza ad accumulare grasso, sono stati nutriti con una dieta povera di zucchero e il loro gusto non è cambiato. Nella seconda, moscerini geneticamente magri, cioè incapaci di immagazzinare grasso, sono stati alimentati con una dieta ricca di zuccheri, dopo la quale gli insetti sono rimasti magri, ma hanno comunque perso la capacita’ di gustare i dolci.

Per scoprire se la causa del cambiamento del gusto fosse dovuta allo zucchero o al sapore dolce del cibo, i ricercatori hanno nutrito un terzo gruppo di moscerini con una dieta addolcita con dolcificanti artificiali. E’ stato visto che solo i moscerini che mangiavano lo zucchero vero perdevano la capacità di gustare i dolci. Questo significa, secondo Dus, che “è lo zucchero che ha fatto perdere loro il gusto per i dolci”.

La scoperta è significativa, per gli autori, perché se anche l’uomo risponde in modo simile allo zucchero, limitarlo nella dieta può aiutare a regolare l’assunzione di cibo, riducendo obesità e malattie associate.

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*