La sindrome Yo-Yo non è legata al rischio di cancro

4 agosto, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_92585899Alcuni ricercatori dell’American Cancer Society hanno portato a termine il più ampio studio fino ad ora pubblicato che riguarda i milioni di persone con la sindrome Yo-Yo (l’insieme di sintomi e rischi che corrono le persone che perdono e riguadagnano peso ciclicamente dopo una dieta dimagrante) e il rischio di cancro.

Ebbene i risultati dell’osservazione, pubblicati  sull’American Journal of Epidemiology, dimostrano che l’alternanza di perdita e riguadagno di peso non è associata con il rischio complessivo di cancro negli uomini o nelle donne.

La sindrome Yo-Yo, che riguarda milioni di Americani, aveva in passato destato serie preoccupazioni poiché alcuni studi avevano suggerito che le oscillazioni cicliche del peso potrebbero influenzare diversi processi biologici che potrebbero portare al cancro, come l’aumento di accumulo delle cellule T (linfociti che giocano un ruolo importante nelle risposte immunitarie), l’alterazione delle risposte infiammatorie nel tessuto adiposo, e la diminuzione della citotossicità delle linfociti killer. Tuttavia, molti di questi risultati non sono stati confermati , e almeno due precedenti studi non hanno mostrato associazioni oscillazioni di peso e cancro.

Per quest’ultimo studio, i ricercatori guidati da Victoria Stevens (direttore strategico dell’ American Cancer Society, hanno esaminato il fenomeno Yo-Yo in relazione al rischio di cancro in più di 132.000 uomini e donne arruolati nel programma Cancer Prevention Study II. Questa fase del programma, dedicata alla nutrizione, iniziata nel 1992/1993, ha raccolto informazioni dietetiche dettagliate da uomini e donne di età  compresa tra 50-74 anni, per esplorare l’effetto della nutrizione sull’incidenza e la mortalità del cancro.

Gli investigatori hanno esaminato l’effetto della sindrome Yo-Yo e l’incidenza per tutti i tumori e per 15 tumori individuali. Più di 25.000 partecipanti hanno sviluppato il cancro durante 17 anni di studio.

“I milioni di americani che lottano per perdere peso, l’ultima cosa di cui hanno bisogno è di preoccuparsi  è che se riguadagnano il peso perso potrebbero avere un aumento del rischio di cancro”, ha detto la Stevens. “Questo studio, a nostra conoscenza il più grande e più completo fino ad oggi sulla questione, e dovrebbe essere rassicurante. I nostri risultati suggeriscono che gli individui in sovrappeso e obesi non dovrebbero abbandonare i timori circa la loro capacità di mantenere la perdita di peso, ma dovrebbero perdere peso in primo luogo”.

Gli autori dello studio concludono enfatizzando la necessità d’incoraggiare le  persone che cercano di perdere peso a continuare nel loro intento anche se possono riguadagnarlo.

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*