Opzioni dietetiche salutari per il cuore

5 ottobre, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_74158624Un nuovo studio, pubblicato online sul Journal of American College of Cardiology mostra che quando si cerca di eliminare i grassi saturi dalla dieta, l’alternativa di ricorrere a cibi integrali, aiuta il cuore, ma non è lo stesso se si opta per il pane bianco.

“La gente non riesce a tagliare spontaneamente qualche centinaio di calorie dai grassi saturi dalla dieta senza sostituirli con qualcos’altro”, ha spiegato la prima autrice del nuovo studio Adela Hruby, ricercatore presso la Harvard TH Chan School of Public Health di Boston. ” E proprio quel ‘qualcosa d’altro’ fa la differenza per la loro salute.”

Hruby ei suoi colleghi hanno basato le loro conclusioni sulle informazioni relative a 85.000 donne e circa 43.000 uomini, tutti i partecipanti a due indagini nazionali americane di lunga durata, note come “Health Study” e “Nurses Health Professionals Follow-up Study”. E tutti gli uomini e le donne erano liberi da diabete, malattie cardiache e cancro quando sono stati arruolati nei due studi. I ricercatori avevano seguito i dettagli su molti aspetti dello stile di vita dei partecipanti, tra cui la loro dieta.

Nel nuovo studio Hruby e i suoi colleghi hanno valutato i dati riportati nelle risposte a questionari sui consumi abituali di cibo compilati  dai partecipanti volontari sani, ogni quattro anni.  Seguendo le informazioni per un periodo di follow-up pari a un massimo di tre decenni, la malattia coronarica è stata diagnosticata in oltre 7.600 partecipanti. Parallelamente gli autori dello studio hanno confrontato le frequenze dei consumi alimentari auto-riportati, tra coloro che hanno e non hanno sviluppato cardiopatie.

Così proseguendo, i ricercatori hanno scoperto che quando gli uomini e le donne avevano sostituito il 5% delle calorie quotidiane da grassi saturi con grassi polinsaturi sani, come quelli che si trovano nelle noci e nel pesce, il rischio per la malattia coronarica è sceso del 25%. Con la sostituzione con grassi monoinsaturi come l’olio d’oliva il rischio è diminuito del 15%, e la sostituzione con carboidrati integrali è stata collegata con un calo del 9% nel rischio di malattie cardiache. Ma la sostituzione di carboidrati trasformati, come pane bianco o riso bianco, al posto dei grassi saturi non ha avuto alcun effetto sul rischio di malattie cardiache.

“La sostituzione di grassi saturi con grassi sani e carboidrati sani non significa rinunciare al gusto” ha aggiunto Hruby – indicando cibi con grassi sani polinsaturi e monoinsaturi, come noci, salmone e olio d’oliva – e ha aggiunto “molti di questi alimenti sono stati una parte di deliziosi modelli alimentari, come la dieta mediterranea, per decenni, forse addirittura secoli.”

“La mancanza di effetto della sostituzione con carboidrati raffinati, potrebbe significare che i grassi saturi, che si trovano in prodotti di origine animale come il burro e la carne rossa, sembrano non avere effetto sulle malattie cardiache, solo quando si fa un confronto tra carboidrati raffinati mangiati in alternativa allo zucchero. “Rispetto ad altre opzioni, però, la scelta non è sana per il cuore”. Tuttavia, questo studio ha rilevato solo un’associazione tra grassi alimentari e rischio-cuore, non un rapporto di causa-effetto” – precisa Hruby. “Quando, invece, si confrontano con altri tipi di cereali integrali o di grassi,  i grassi saturi non sono salutari, come altri studi recenti sembrano aver suggerito” – ha concluso Hruby.

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*