Rischio diabete raddoppia con bevande gassate anche se ‘diet’

24 ottobre, 2016 nessun commento


Share

bibitaIl consumo quotidiano di bevande gassate, anche se in forma ‘diet’, sembra aumentare il rischio d’insorgenza del diabete 2, quello dell’adulto trattato con ipoglicemizzanti orali, e anche di diabete ‘LADA’ (acronimo dall’inglese: Latent Autoimmune Diabetes in Adults), una forma autoimmune e latente di diabete tipo 1 (infantile e giovanile trattato con insulina) che però insorge nell’adulto. Lo rileva una ricerca pubblicata sull’European Journal of Endocrinology, secondo cui basta una lattina e mezza al giorno per raddoppiare il rischio.

Lo studio
Lo studio del Karolinska Institute ha esaminato i dati di 2800 persone, verificando i loro consumi di bibite gassate e lo stato di salute. Chi beve più di due porzioni da 200 millilitri al giorno, scrivono gli autori, ha un rischio 2,4 volte maggiore di avere il diabete di tipo 2 rispetto a chi non ne beve, e aumenta anche quello di sviluppare il diabete ‘LADA’. Per chi consuma un litro di queste bevande al giorno invece il rischio è maggiore di dieci volte. Secondo gli autori: “I dolcificanti artificiali nelle bevande ‘diet’ potrebbero stimolare un appetito ‘distorto’, con un aumento dell’assunzione di cibo. Potrebbero anche influire sulla flora batterica intestinale, portando ad una intolleranza al glucosio”.

I ricercatori proseguiranno lo studio con i dati di otto diversi paesi, per verificare se l’effetto rimane. “Stiamo anche studiando come contrastare questo effetto – spiega l’autrice principale, Josefin Edwall Lofvenborg – ad esempio con l’assunzione di omega 3″.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*