L’allattamento al seno, soprattutto se prolungato, riduce il rischio di dermatite atopica

Condividi:

Alcuni micro acidi ribonucleici presenti nel latte materno possono ridurre la probabilità che i bambini sviluppino la dermatite atopica e le allergie alimentari, secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition.

“I bambini allattati oltre i tre mesi possono avere un rischio inferiore per le patologie di origine allergica, ma non conosciamo appieno la biologia alla base di questo fatto” afferma Steven Hicks, del Penn State Health Children’s Hospital, autore principale dello studio, che in passato ha studiato come i micro acidi ribonucleici (miRNA) possano essere utilizzati per diagnosticare determinate condizioni di salute come la commozione cerebrale o l’autismo. “Ci sono quasi 1.000 diversi tipi di miRNA nel latte materno umano e la composizione varia a causa di caratteristiche materne come peso, dieta e genetica. Abbiamo ipotizzato che quattro di questi miRNA potessero avere un effetto protettivo rispetto alle allergie infantili sulla base di ricerche precedenti che mostrano relazioni tra questi miRNA e determinate condizioni allergiche” prosegue l’esperto.

I ricercatori hanno seguito 163 madri che avevano pianificato di allattare per almeno quattro mesi, e i loro bambini, dalla nascita fino a 12 mesi. Hanno monitorato per quanto tempo ogni bambino è stato allattato al seno, e hanno misurato la composizione di miRNA del latte materno di ciascuna madre nel corso dell’allattamento (a zero, quattro e 16 settimane). Il team ha calcolato la quantità di miRNA specifici consumati dai neonati in base ai modelli di allattamento al seno riportati e alla concentrazione di alcuni miRNA nei campioni di latte materno.

Dei bambini studiati, 41 (25%) hanno sviluppato dermatite atopica, 33 (20%) hanno sviluppato un’allergia alimentare e 10 (6%) hanno avuto respiro sibilante. I bambini che non hanno sviluppato problemi atopici hanno consumato quantità maggiori, in media, di miRNA-375-3p (miR-375) nel latte materno delle loro madri, rispetto ai bambini che hanno sviluppato le patologie. Non vi erano altre differenze nelle caratteristiche materne o dei bambini, o nelle esposizioni ambientali, tra neonati che hanno sviluppato l’atopia rispetto a quelli che non l’hanno fatto. I ricercatori hanno anche scoperto che i livelli di questo miRNA aumentavano durante l’allattamento, e che le madri con un indice di massa corporea inferiore tendevano ad avere una maggiore concentrazione di miR-375.

“Il fatto che il contenuto di miR-375 sia aumentato durante il corso dell’allattamento può spiegare perché l’allattamento al seno prolungato è stato associato a una ridotta atopia in alcuni studi. In contrasto con il latte artificiale, che non contiene miRNA umani, il miR-375 è presente in oltre il 99% dei campioni di latte umano e rappresenta poco meno dell’1% di tutti i miRNA nel latte materno” concludono gli autori.

American Journal of Clinical Nutrition, DOI: 10.1093/ajcn/nqac266

Articoli correlati

Lascia un commento

*



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Nutri&Previeni © 2023