Bambini. Supplementi di ‘grassi buoni’ potenziano abilità di lettura

16 settembre, 2016 nessun commento


Share

bambino leggeProviene dall’Università svedese di Gothenburg un nuovo studio pubblicato sul Journal of Child Psychology and Psychiatry che conferma l’importanza dei grassi buoni nel promuovere il rendimento scolastico dei bambini. Questa volta però i ricercatori non hanno analizzato gli effetti diretti del cibo, ma si sono concentrati sull’integrazione di grassi omega 3 e omega 6, cioè quelli conosciuti appunto come ‘grassi buoni’, naturalmente presenti rispettivamente in pesci come il salmone e negli alimenti di origine vegetale, specie nei semi di lino e anche nelle noci e nei cereali. Hanno così dimostrato che una supplementazione con questi grassi può potenziare le abilità di lettura dei bambini, cioè la velocità di lettura e l’abilità di comprensione e pronuncia delle parole.

Lo studio

In particolare gli studiosi hanno testato l’efficacia di integratori di grassi buoni omega-3 e omega-6, di cui sono ricchi il pesce e alimenti di origine vegetale. Gli esperti hanno dato a oltre 150 bambini di 9-10 anni o capsule giornaliere di questi grassi o placebo, per tre mesi di seguito. Nei successivi tre mesi hanno dato a tutti i bambini gli integratori di grassi omega. Così facendo – e sottoponendo i bambini a vari test di lettura, dalla velocità alla chiarezza alla capacità di leggere parole senza senso e all’ampiezza del vocabolario – i ricercatori hanno visto che all’assunzione di integratori di grassi omega corrispondono già nei primi tre mesi progressi nelle abilità di lettura del bambino.

E’ probabile che questi effetti vantaggiosi siano dovuti al fatto che il cervello ha naturalmente bisogno di questi grassi, presenti come componenti delle membrane della cellula nervosa, sia indispensabili per la corretta ricezione del segnale nervoso.

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*