Combattere l’insufficienza cardiaca con l’attività fisica

10 gennaio, 2018 nessun commento


Share

Per ridurre il rischio di insufficienza cardiaca in una persona di mezza età basterebbero due anni di esercizio fisico 4-5 volte a settimana. A proporlo sono i ricercatori dell’Università del Texas sud-occidentale a Dallas, che hanno pubblicato i dati di un loro studio su Circulation, rivista della American Heart Association.

Lo studio
Ad aver preso parte alla ricerca sono stati 53 uomini tra i 45 e i 64 anni, sani ma con uno stile di vita sedentario. Gli studiosi li hanno divisi in due gruppi: in uno i partecipanti dovevano fare yoga e pesi tre volte a settimana, nell’altro, invece, dovevano svolgere attività fisica più intensa, tra le quattro e le cinque volte a settimana, e generalmente per 30 minuti.

Secondo quanto è emerso chi faceva più sport aveva il cuore più in forma, con un maggior assorbimento dell’ossigeno e con una riduzione della rigidità cardiaca. Dunque, due o tre soli giorni non sarebbero sufficienti per avere gli effetti migliori nella salute del cuore.

“Sulla base di una serie di studi condotti dal nostro team negli ultimi 5 anni, questa ‘dose’ di esercizio fisico è diventata la mia prescrizione per la vita. Penso che le persone dovrebbero essere in grado di farlo come parte della loro igiene personale, proprio come lavarsi i denti e fare una doccia”, ha spiegato Benjamin Levine, docente di medicina interna dell’Ateneo.

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*