Dieta Mediterranea ricca di olio extra vergine d’oliva o frutta secca aiuta a perdere peso

22 giugno, 2016 nessun commento


Share

dieta mediterranea(Reuters Health) – L’assunzione di noci e di olio d’oliva in una dieta mediterranea può aiutare gli anziani a perdere peso, o almeno ad evitare d’ingrassare. “La nostra ipotesi è che non tutti i grassi sono uguali, dobbiamo differenziare i grassi vegetali da quelli di origine animale”, ha detto l’autore dello studio Ramon Estruch dell’Università di Barcellona. “I grassi vegetali come l’olio extravergine d’oliva e quelli contenuti nelle noci aiutano a ridurre il peso corporeo, quando questi alimenti sono inseriti all’interno di una dieta sana, come quella mediterranea”.

La dieta mediterranea in genere include grandi quantità di frutta, verdura, cereali integrali, legumi e olio d’oliva. Questa dieta tende anche a favorire le fonti di proteine magre, come il pollo o il pesce rispetto alla carne rossa, che contiene più grassi saturi.

Per questo studio, pubblicato su Lancet Diabetes Endocrinology, il team spagnolo ha assegnato in modo casuale a 7447 anziani (uomini tra i 55 e gli 80 anni e donne tra i 60 e gli 80) a rischio di malattie cardiovascolari uno tra questi tre regimi alimentari: dieta mediterranea integrata con un litro di olio extra vergine di oliva a settimana, una dieta mediterranea integrata con 30 grammi di noci al giorno, o una dieta a basso contenuto di grassi.

Tutti i partecipanti avevano il diabete o tre o più fattori di rischio per le malattie cardiovascolari (tabagismo, elevata pressione sanguigna e colesterolo alto). A nessuno dei partecipanti è stato chiesto di limitare le calorie o di eseguire esercizio fisico durante lo studio.

Dopo quasi cinque anni i partecipanti di tutti e tre i gruppi dello studio avevano avuto una riduzione del peso, ma questa diminuzione è stata maggiore nei due gruppi cui è stata assegnata la dieta mediterranea (0,08 kg in meno nel gruppo che ha assunto le noci e 0,43 kg in meno nel gruppo che ha assunto olio d’oliva).

“Sebbene sia complesso poter certificare che i partecipanti abbiano rispettato le indicazioni dei ricercatori, i risultati suggeriscono che le persone che cercano di perdere peso non devono esclusivamente concentrarsi sul taglio di calorie e grassi”, ha affermato Dariush Mozaffarian, ricercatore sulla nutrizione della Tufts University di Boston nell’editoriale di accompagnamento alla ricerca.

“Numerosi studi hanno dimostrato che, in persone che cercano di perdere peso, le diete ad alto contenuto di grassi che si concentrano sulla riduzione amido, altri cereali raffinati e zuccheri sono più efficaci di diete a basso contenuto di grassi a lungo termine” ha specificato Mozaffarian.

“Questo ulteriore studio dovrebbe finalmente mettere a tacere la paura che alberga nel nostro Paese sui grassi, quando ovviamente si tratta di cibi sani come la frutta secca e l’olio extra vergine di oliva”, ha aggiunto Mozaffarian.

FONTE: Lancet diabete Endocrinol 2016.

Lisa Rapaport

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Nutri&Previeni) 

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*