Dopo esercizio fisico niente acqua, aumenta il rischio di crampi  

25 Marzo, 2019 nessun commento


Condividi:

Se sei solito bere acqua dopo l’esercizio fisico, occhio ai crampi. Contrariamente a quanto si pensava, bere dopo l’attività sportiva potrebbe infatti aumentarne l’insorgenza. A rivelarlo è un piccolo studio della Edith Cowan University a Perth, in Australia, e pubblicato su Bmj Open Sport & Exercise Medicine, evidenziando come appunto farlo potrebbe rendere più probabile soffrire di spasmi dolorosi, mentre consumare più elettroliti potrebbe essere la chiave per fermare le fitte, perché a innescare il problema sono livelli ridotti di sale e minerali.

I ricercatori hanno fatto correre 10 uomini su un tapis roulant in una stanza calda finché non hanno sudato abbastanza. Al termine dell’esercizio a metà dei partecipanti è stata somministrata acqua normale per reidratarsi, all’altra metà bevande sportive con elettroliti, inclusi sale, potassio, bicarbonato e cloruro. Una settimana dopo è stato ripetuto lo stesso esperimento, invertendo le bevande tra i gruppi. “Ci sono state in passato molte teorie su ciò che causa crampi muscolari in passato – evidenzia Ken Nosaka, autore dello studio – ma è la prima volta che abbiamo dimostrato in modo conclusivo che l’esaurimento degli elettroliti è la causa principale dei crampi muscolari”.

Nosaka e il suo team hanno scoperto che gli uomini che bevevano acqua pura hanno avuto maggiori probabilità di sperimentare crampi muscolari. Mentre quelli a cui venivano somministrate le bevande con elettroliti avevano una probabilità “significativamente ridotta” di andare incontro a dolori, dopo aver considerato la suscettibilità di ogni volontario ai crampi canalizzando una corrente elettrica nel muscolo del polpaccio. La ricerca non arriva a una conclusione definitiva su come un numero più basso di elettroliti possa far scattare i crampi, ma gli studiosi ritengono sia dovuto al ruolo dei minerali come trasmettitori di segnali nervosi: se sono di meno potrebbero ridurre la capacità del corpo di regolare adeguatamente le contrazioni muscolari.

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*