I bimbi “mangiano meglio” alla scuola materna che a casa

16 settembre, 2015 nessun commento


Share

timthumb (28)I bambini in età prescolare consumano più calorie e meno frutta o verdura, dopo l’uscita dalla scuola materna, secondo uno studio condotto da ricercatori del centro medico dell’Ospedale dei bambini di Cincinnati.

Lo studio, ha analizzato un giorno intero di consumi con la dieta,  e ha dimostrato che i bambini che frequentavano la scuola materna a tempo pieno, hanno consumato una media di 685 calorie nel tempo intercorso tra il ritorno a casa e il momento di coricarsi. Questi consumi extra corrispondevano a una media di 140 calorie in più, rispetto delle raccomandazioni  previste dal programma USDA’s Child and Adult Care Food Program (CACFP) per questo lasso di tempo (433-650 calorie). La metà dei bambini osservati, tra l’altro, consumava più di 900 calorie dopo il ritorno a casa.

Kristen Copeland, ricercatore presso la Divisione di Pediatria Generale e autore senior dello studio, con un team di collaboratori, ha osservato circa 340 bambini in età prescolare provenienti da 30 centri per l’infanzia selezionati a caso nella Contea di Hamilton (OH- USA).

“Abbiamo riscontrato che, dopo che i bambini hanno lasciato i centri per l’infanzia, non mangiavano abbastanza frutta o verdura, o non bevevano latte sufficiente per soddisfare le linee guida dietetiche, e, in media, consumavano più calorie di quanto raccomandato.” – ha dichiarato Copelan.

Inoltre, dallo studio è emerso che la maggior parte delle calorie che i bambini consumavano a casa venivano da snack dolci e salati (per esempio, salatini, cracker, biscotti, snack bar, ciambelle, caramelle), bevande zuccherate, e latte intero o parzialmente scremato.

“Contrariamente alle ipotesi del nostro team di ricercatori – continua Copeland – “i bambini provenienti da famiglie a basso reddito non consumavano meno frutta e verdura rispetto ai bambini provenienti da famiglie a reddito superiore; cioè i bambini hanno consumato frutta e verdura insufficienti in generale. “I bambini a basso reddito, inoltre, non avevano più probabilità di essere in sovrappeso rispetto ai bambini da famiglie ad alto reddito”. “L’unica differenza significativa nella dieta era che i bambini provenienti da famiglie a basso reddito consumavano più bevande zuccherate”. “Tuttavia – precisa – “l’eccesso di calorie consumate al di fuori dei centri per l’infanzia è risultato significativamente associato con i bambini sovrappeso”. “Per ogni aumento di 200 calorie consumate fuori dal centro di custodia, la probabilità del bambino di essere in sovrappeso è aumentata del 20%” – ha concluso.

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*