QI elevato, elisir di lunga vita

30 giugno, 2017 nessun commento


Share

L’intelligenza, che si manifesta fin da piccoli con un alto quoziente intellettivo (QI), secondo uno studio pubblicato sul British Medical Journal (Bmj), sarebbe associata a una vita più lunga e a un rischio minore di morte per malattie cardiache, ictus e tumori causati da fumo.

Studi precedenti avevano dimostrato che, in media, gli individui con quozienti intellettivi più elevati tendono a vivere più a lungo, ma erano basati su soggetti seguiti solo a partire dall’età adulta. Per questo, i ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno esaminato l’associazione tra i punteggi dei test di intelligenza misurati da bimbi e le principali cause di morte fino all’età di 79 anni. I loro risultati si basano sui dati di 33.536 uomini e 32.229 donne nate in Scozia nel 1936, cui è stata somministrata una prova di intelligenza validata all’età di 11 anni e di cui sono state esaminate data e causa di morte fino al 2015. Dopo aver tenuto conto di fattori che avrebbero potuto influenzare i risultati, come età, sesso e status socioeconomico, i ricercatori hanno scoperto che l’intelligenza infantile più alta era associata ad un minore rischio di morte all’età di 79 anni: il rischio di morte risultava ridotto del 28% per malattie respiratorie, del 25% quello per malattie coronariche e del 24% per ictus. Sono state osservate anche associazioni per morti causate da lesioni, tumori dovuti al fumo (polmone e stomaco) e demenza, mentre non è stata osservata alcuna associazione tra intelligenza infantile e morte per tumori non collegati al fumo. Il che indica un nesso con la scelta di determinati stili di vita. Tuttavia, per i ricercatori, “resta da vedere se i segnali di QI sono indizio di qualcosa di più profondo, e forse genetico, nel  rapporto con la longevità”.

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*