Smettere di fumare migliora il benessere mentale

Condividi:

Smettere di fumare per almeno 6 settimane può migliorare il benessere mentale, riducendo l’ansia, la depressione e lo stress. La buona notizia, un incentivo per chi ha intenzione di rinunciare a questa abitudine, arriva da una ricerca dell’Università di Bath, pubblicata su Cochrane Database of Systematic Reviews.

Secondo lo studio è improbabile che le relazioni sociali delle persone ne risentano se smettono di fumare. Per arrivare a questa conclusione sono stati analizzati i dati di 102 studi osservazionali che hanno coinvolto oltre 169.500 persone. Gli autori della revisione hanno combinato i risultati di 63 di questi studi che misuravano i cambiamenti nei sintomi di salute mentale in persone che hanno smesso di fumare con quelli che si verificano in  chi  invece  continua. Hanno anche combinato i risultati di 10 ricerche  che hanno misurato quante persone hanno sviluppato un disturbo di salute mentale durante il periodo analizzato.

“Molte persone che fumano – evidenzia Gemma Taylor, autrice principale dello studio – sono preoccupate che smettere di fumare possa interrompere i rapporti sociali e portare a sentimenti di solitudine. La ricerca rassicura sul fatto  che smettere di fumare non sembra avere un impatto negativo sulla qualità sociale della vita. Un’altra preoccupazione è legata a un eventuale aumento dello stress con la decisione di rinunciare a questa abitudine, ma l’evidenza mostra che lo stress è invece ridotto in chi  smette e ci sono probabilmente benefici a lungo termine per la salute mentale”.

Articoli correlati

Lascia un commento

*