Morte in culla: il rischio si riduce allattando per almeno 2 mesi

Condividi:

L’allattamento materno offre diversi vantaggi per la salute del nascituro e anche per quella della madre. Ora se ne conta uno in più. Allattare al seno per almeno due mesi può proteggere i piccoli dalla sindrome della morte improvvisa in culla (Sudden Infant Death Syndrome – SIDS), che nei paesi sviluppati è la causa principale di morte nel primo anno…

Leggi

USA: regole anti-contagio per gli ambulatori pediatrici

Condividi:

L’autunno è ancora ‘indeciso’, ma con l’arrivo dei primi freddi presto gli studi medici dei pediatri si riempiranno di bambini con malanni diversi, specie disturbi delle vie respiratorie. In anticipo per questo appuntamento arrivano dagli esperti della Società Americana di Pediatria le linee guida aggiornate sulle regole di sicurezza per evitare la diffusione di infezioni proprio negli studi medici e…

Leggi

Linee guida pediatri USA: niente succhi di frutta nel primo anno di età

Condividi:

Per quanto riguarda bibite e succhi di frutta le nuove linee guida dell’American Academy of Pediatrics, pubblicate su Pediatrics, sono particolarmente rigide. Niente succhi di frutta per tutto il primo anno di età, e pochissimi, al massimo 120 millilitri al giorno di bibite con il 100% di succo, fino ai 3 anni. “I genitori possono pensare che i succhi di…

Leggi

Allattamento al seno non giova all’intelligenza dei bambini

Condividi:

Come dimostrato da numerosi studi, l’allattamento al seno comporta numerosi benefici alla salute dei neonati, ma non sembra avere alcun effetto sulle loro capacità cognitive a medio termine. Lo afferma uno studio dell’University College di Dublino pubblicato dalla rivista Pediatrics. I ricercatori hanno seguito quasi 7.500 bambini nati a termine a partire dai nove mesi di età, valutandoli a tre…

Leggi

Bambini a tavola: dieta mediterranea riduce rischio deficit attenzione

Condividi:

Una ricerca pubblicata sulla rivista Pediatrics, aggiunge nuove evidenze ai noti benefici della dieta mediterranea nostrana, ricca di vegetali, pesce, cereali integrali e povera di carni rosse, uova, latticini e dolci. Infatti, non seguire una dieta mediterranea sembra aumentare il rischio di avere una diagnosi di sindrome da Iperattività e deficit di attenzione (Adhd). Lo studio La sindrome da Iperattività…

Leggi

Medicinali pediatrici. Per non sbagliare meglio usare una siringa

Condividi:

I medicinali più utilizzati in pediatria sono molto spesso in forma liquida, quindi la possibilità di sbagliare dosaggio eccedendo la dose consigliata, è piuttosto frequente da parte dei genitori. Tuttavia utilizzando una siringa, magari di quelle per uso orale, invece di una tazzina o un cucchiaio il rischio si riduce. E’ quanto emerge da uno studio guidato dalla NYU Medical…

Leggi

Adolescenti: strategie preventive contro obesità e disturbi comportamento alimentare

Condividi:

Dato l’aumento dei disturbi del comportamento alimentare verificatosi negli adolescenti gli esperti dell’American Academy of Pediatrics hanno dettato le nuove linee guida con le raccomandazioni preventive rivolte a medici e genitori, pubblicate dalla rivista Pediatrics. Tra queste spicca il divieto di focalizzare l’attenzione sul peso, soprattutto con commenti negativi o che possono risultare canzonatori. E’ importante, invece, consumare il più…

Leggi

Allergie: bimbi protetti se succhiano il dito o mangiano le unghie

Condividi:

Ci sono due abitudini infantili che preoccupano i genitori e spesso sono dure a morire: succhiarsi il pollice o mangiarsi le unghie. Ebbene, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Pediatrics e condotto da Robert Hancox della Dunedin School for Medicine, University of Otago, in Nuova Zelanda, queste brutte abitudini potrebbero avere anche un aspetto positivo. Sembrano, infatti, in grado di…

Leggi

Allattamento favorito lavorando meno di 20 ore la settimana

Condividi:

L’allattamento al seno è un periodo molto impegnativo e stressante nella vita di una donna, e altrettanto importante per la salute del suo bambino. In particolare, le donne che allattano e contemporaneamente lavorano, possono incontrare diversi problemi che impediscono loro di proseguire l’allattamento, primo tra tutti quello di dover in qualche modo modificare gli orari di lavoro. In proposito, un…

Leggi

Febbre da dentizione, un mito da sfatare

Condividi:

Secondo i risultati di un grosso studio pubblicato sulla rivista Pediatrics, la febbre dei bimbi che, secondo la credenza popolare, si può verificare in corrispondenza della nascita dei dentini, sarebbe solo un altro dei miti da sfatare. La dentizione, infatti, rende il bimbo irritabile, nervoso, si associa a infiammazione gengivale e aumento della salivazione, ma non da’ febbre sopra i 38°C.…

Leggi

Obesità: in Usa gli adolescenti mangiano meglio rispetto a 10 anni fa

Condividi:

(Reuters Health) – Secondo uno studio pubblicato ieri su Pediatrics online, gli adolescenti degli Stati Uniti hanno cambiato le loro abitudini alimentari in meglio, rispetto a  dieci anni fa. Hanno, infatti, ridotto l’apporto calorico quotidiano, mangiano meno carboidrati e più grassi insaturi e sani, a vantaggio del loro profilo metabolico. Insieme a questi cambiamenti nelle abitudini alimentari, i ragazzi hanno anche sviluppato…

Leggi

Expo: rischio ipertensione non solo dal sale

Condividi:

Anche lo zucchero, oltre al sale, gioca un ruolo importante nell’ipertensione arteriosa, che a sua volta è uno dei principali fattori di rischio per la salute globale e la mortalità precoce. Anche se sul banco degli imputati è uno solo dei due componenti dello zucchero comunemente consumato: il fruttosio. Citando dati e studi pubblicati, ne ha parlato Simonetta Genovesi, della…

Leggi

Più attenzione ai bambini che rifiutano il cibo!

Condividi:

Mangiare troppo poco e pochi tipi di cibo è un problema comune nei bambini, ma può portare a una cattiva nutrizione, conflitti familiari e genitori frustrati. Anche se molte famiglie ritengono che si possa considerare come una fase, un nuovo studio dimostra che il rifiuto  del cibo coincide spesso con gravi problemi dell’infanzia, come la depressione e l’ansia, che possono…

Leggi

L’attività fisica fin da piccoli giova al rischio cardiovascolare

Condividi:

I bambini che si impegnano nell’attività fisica quotidianamente ne trarranno benefici  già nella prima adolescenza, secondo un nuovo studio australiano che promuove pubbliche iniziative contro il sovrappeso e l’obesità. Nello studio dell’Università di Sydney, condotto su 4600 bambini, chi era stato più attivo fra 11 e 15 anni aveva un minore peso corporeo e fattori di rischio ridotti di malattie cardiovascolari e diabete. I risultati dimostrano l’importanza dell’esercizio fisico nell’infanzia,…

Leggi


SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Nutri&Previeni © 2022