La “pillola” protegge le donne dal cancro dell’utero!

6 agosto, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_267774428L’uso di contraccettivi orali, anche per pochi anni, offre una protezione a lungo termine contro il cancro dell’endometrio uterino, e più a lungo “la pillola” viene utilizzata, maggiore è la riduzione del rischio, secondo una nuova analisi dettagliata di tutti i dati disponibili, pubblicata sulla rivista  Lancet Oncology.

I ricercatori del Collaborative Group, un gruppo intercontinentale di ricercatori che si sono riuniti per gli studi epidemiologici e per gli studi sul cancro endometriale, stimano che negli ultimi 50 anni (1965-2014) circa 400.000 casi di cancro endometriale siano stati impediti con l’uso di contraccettivi orali nei paesi ad alto reddito, di questi circa 200.000 nel corso dell’ultimo decennio (2005-2014).

“Il forte effetto protettivo dei contraccettivi orali contro il cancro dell’endometrio – che persiste per decenni dopo la sospensione della pillola – significa che le donne che l’hanno usata nell’età dei 20 anni, o anche prima, continuano a beneficiarne fino ai 50 anni e oltre, quando il cancro diventa più comune “, spiega la professoressa Valerie Beral, uno degli autori dello studio, dell’Università di Oxford nel Regno Unito. “Precedenti ricerche hanno dimostrato che la pillola protegge anche contro il cancro ovarico. Ma le donne erano abituate fino ad oggi a preoccuparsi che la pillola possa causare il cancro, nel lungo termine , invece, la pillola riduce il rischio di ammalarsi di cancro.” – aggiunge.

I ricercatori hanno messo insieme i dati riguardanti 27.276 donne con tumore endometriale da 36 studi provenienti da: Nord America, Europa, Asia, Australia e Sud Africa – praticamente tutte le prove epidemiologiche fino ad ora mai raccolte sugli effetti dei contraccettivi orali.

I risultati rivelano che ogni 5 anni di uso di contraccettivi orali riduce il rischio di tumore dell’endometrio di circa un quarto. Nei paesi ad alto reddito, 10 anni di uso di contraccettivi orali riduce il rischio di sviluppare il cancro dell’endometrio prima dei 75 anni da 2,3-1,3 casi ogni 100 donne che la utilizzano.

“Anche se le dosi di estrogeni dei contraccettivi orali sono diminuite sensibilmente nel corso degli anni, e le pillole nel 1960 in genere contenevano più del doppio della dose di estrogeni rispetto alle pillole del1980, la riduzione del rischio di cancro endometriale per le donne che hanno utilizzato la pillola durante gli anni ‘80, era ugualmente grande e simile a coloro che la usavano nei decenni precedenti. Questi risultati suggeriscono che la quantità di ormoni presente nelle pillole sebbene  inferiore è sufficiente a ridurre l’incidenza di cancro endometriale” – precisano gli autori.

Inoltre la riduzione proporzionale del rischio non variava sostanzialmente con la storia riproduttiva delle donne , l’adiposità (quantità di grasso corporeo), l’uso di alcol, l’uso di tabacco, o l’etnia.

Secondo Naomi Allen, un’altra ricercatrice dell’Università di Oxford: “L’evidenza suggerisce che l’uso di contraccettivi orali nel medio-lungo termine (ad esempio, per 5 anni o più) promuove una  sostanziale riduzione del rischio di cancro endometriale. Negli ultimi 50 anni (1965-2014), si stima che circa 400.000 donne di 75 anni siano state protette dal cancro uterino, nei paesi ad alto reddito, grazie all’uso di contraccettivi orali, e circa 200.000 durante l’ultimo decennio (2005-14)”.

Tag:, , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*