Sicurezza alimentare: 23 milioni di persone l’anno si ammalano per cibo contaminato

8 Giugno, 2020 nessun commento


Condividi:

Ogni minuto, 44 ​​persone – più di 23 milioni all’anno – si ammalano per aver mangiato cibo contaminato e circa 4.700 all’anno perdono la vita. E’ questo uno dei più recenti dati disponibili a livello internazionale, pubblicato nel nuovissimo rapporto “Il peso delle malattie alimentari nella regione europea dell’Oms” e reso noto in occasione della prima Giornata mondiale della sicurezza alimentare del 7 giugno 2019 voluta dall’Onu, in cui la Regione europea dell’Oms si unirà ai partner di tutto il mondo per sensibilizzare e promuovere azioni per migliorare la sicurezza alimentare.

La nuova Giornata mondiale per la sicurezza alimentare è stata creata con una risoluzione adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 2018. Per promuovere la Giornata mondiale della sicurezza alimentare, l’Oms/Europa sta lavorando a fianco dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e del Codex Alimentarius, un’organizzazione globale che supporta la sicurezza alimentare con una raccolta di standard, linee guida e codici di condotta stabiliti dall’Oms e dalla FAO per proteggere la salute dei consumatori e promuovere pratiche corrette nel commercio alimentare.

Il cibo non sicuro è responsabile di milioni di giorni di malattia e talvolta può portare a malattie gravi o prolungate, ricoveri in ospedale e persino alla morte. Il carico complessivo delle malattie di origine alimentare nella regione è stimato in 413.020 anni di vita regolabili per la disabilità, ovvero anni in cui la vita di una persona è influenzata da una malattia.

Una varietà di batteri, virus, parassiti e rischi chimici hanno conseguenze potenzialmente gravi non solo per la salute umana, ma anche per l’economia e l’ambiente.

Secondo le stime, le cause più frequenti di malattie di origine alimentare sono agenti di diarrea. Il più comune è il norovirus con circa 15 milioni di casi, seguito da Campylobacter spp., Responsabile di quasi 5 milioni di casi.

La Salmonella spp. non tifoidea causa la maggior parte delle morti. Altre principali cause di morte sono Campylobacterspp., Norovirus, Listeria monocytogenes e Echinococcus multilocularis .

Complessivamente nella Regione, le malattie diarroiche sono responsabili del 94% delle malattie trasmesse da alimenti, del 63% dei decessi correlati e del 57% del carico di malattia.

Le prime stime del carico globale e regionale delle malattie di origine alimentare, pubblicate dall’Oms nel dicembre 2015, mostrano che l’onere è significativo in tutto il mondo.

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*