Anoressia nervosa associata a cronotipo mattutino

Condividi:

L’anoressia nervosa è associata all’abitudine di alzarsi presto, a differenza di altri disturbi – come la depressione e la schizofrenia – che tendono a manifestarsi maggiormente tra chi predilige le ore serali. È quanto rileva una ricerca pubblicata da JAMA Network Open, condotta da un team del Massachusetts General Hospital. Lo studioIn letteratura già alcuni studi avevano evidenziato una possibile…

Leggi

Ruolo dell’attività fisica nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali

Condividi:

In una popolazione di pazienti con malattia infiammatoria intestinale (IBD) proveniente dall’Italia meridionale è stato registrato un basso tasso di attività fisica. A mostrarlo sono stati Antonietta Gerarda Gravina e colleghi dell’Università della Campania Luigi Vanvitalli, a Napoli, secondo i quali, l’importanza dell’attività fisica dovrebbe essere discussa con il gastroenterologo di riferimento. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul…

Leggi

Coppette mestruali ridurrebbero il rischio di infezione da HSV-2

Condividi:

L’utilizzo delle coppette mestruali potrebbe fornire benefici alla salute riproduttiva delle donne ed è una soluzione accettabile e duratura per il ciclo. È quanto mostra una ricerca coordinata da Garazi Zulaika della Liverpool School of Tropical Medicine e pubblicata su eClinicalMedicine. Il virus HSV-2 causa herpes genitale e può triplicare il rischio di andare incontro a infezione da HIV. Per…

Leggi

Mal di testa, attenzione ai muscoli del collo

Condividi:

L’infiammazione dei muscoli del collo è direttamente coinvolta nell’insorgenza delle cefalee di tipo primario. A osservarlo, per la prima volta in modo oggettivo, è stato un team guidato da Nico Sollman, della University Hospital di Ulm, in Germania. I risultati dello studio sono stati presentati nel corso del meeting della Radiologic Society of North America, che si è tenuto a…

Leggi

Gravidanza: aspetti generali delle infezioni delle vie urinarie

Condividi:

Le infezioni del tratto urinario (UTI) rappresentano la forma più comune tra le donne in gravidanza e presentano potenziali complicazioni sia per la madre che per il feto. D’altra parte, l’uso di antimicrobici durante la gravidanza comporta rischi che non possono essere trascurati. Le linee guida internazionali raccomandano un approccio unico di screening e di trattamento per la batteriuria asintomatica…

Leggi

Unicef: 1 miliardo di bambini a rischio per il cambiamento climatico

Condividi:

“Il nostro successo o fallimento nel rispondere alla crisi climatica sarà valutato su due numeri: mantenere il limite di 1,5 gradi e proteggere il miliardo di bambini messi a rischio da questa crisi. La crisi climatica non sta solo cambiando il pianeta, sta cambiando i bambini. I loro corpi e le loro menti sono particolarmente vulnerabili agli impatti del cambiamento…

Leggi

Endometriosi: diversi sintomi compaiono anni prima della diagnosi

Condividi:

Forti dolori mestruali, depressione e mal di schiena, tre dei sintomi più comuni dell’endometriosi, potrebbero manifestarsi nelle donne anni prima della diagnosi della condizione. A osservarlo è uno studio dell’Università del Queensland, in Australia, guidato da Gita Mishra e pubblicato sull’American Journal of Obstetrics and Gynecology. Per l’indagine, il team ha analizzato dati da 7.606 donne nate tra il 1973…

Leggi

Cibi ultraprocessati e tumori di bocca, gola ed esofago: un ampio studio evidenzia associazione

Condividi:

Consumare una quantità maggiore di cibi ultra processati si associa a un aumento del rischio di sviluppare alcuni tipi di tumori del tratto aerodigestivo superiore, come cancro della bocca, della gola e dell’esofago. È quanto emerge da una ricerca guidata da scienziati dell’Università di Bristol e dell’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), pubblicata dall’European Journal of Nutrition. Lo…

Leggi

Una bocca in salute mantiene un corretto equilibrio metabolico

Condividi:

Le infezioni orali, le parodontiti e le carie sono associate a profili metabolici infiammatori correlati a un aumento del rischio di malattie cardiometaboliche. A mostrarlo è una ricerca dell’University of Eastern Finland, guidata da Pirkko Pussinen e pubblicata da Journal of Dental Research, secondo la quale dalle infezioni orali si possono anche prevedere futuri cambiamenti a impatto negativo sulla salute.…

Leggi

Tumore al seno e obesità: quale relazione

Condividi:

Numerose ricerche scientifiche hanno ormai stabilito una stretta correlazione tra obesità e aumento del rischio di sviluppare il diabete mellito di tipo 2 (DM). Questo legame si basa sull’effetto dell’eccesso di peso nell’indurre l’insulina-resistenza, nell’elevare i livelli di estrogeni nel sangue attraverso l’up-regolazione dell’enzima aromatasi, e nella confezione del rilascio di specie reattive dell’ossigeno (ROS) da parte dei macrofagi. Un…

Leggi

Ipertensione: un cucchiaino di sale in meno aiuta a ridurla

Condividi:

Un cucchiaino di sale in meno al giorno rappresenta un modo efficace e sicuro per ridurre la pressione arteriosa, anche per le persone che assumono farmaci per l’ipertensione. A questo conclusione è giunto uno studio condotto da ricercatori della Northwestern Medicine, del Vanderbildt University Medical Center e dell’Università dell’Alabama di Birmingham, guidati da Deepak Gupta. L’American Heart Association raccomanda un’assunzione…

Leggi

Associazione tra asma e obesità: la risposta in un ormone

Condividi:

La leptina, un ormone proteico principalmente prodotto dal tessuto adiposo, rappresenta un fattore centrale nella fisiopatologia dell’asma nei pazienti obesi, come evidenziato da uno studio condotto da un gruppo di ricerca spagnolo e pubblicato su International Journal of Molecular Sciences nel 2022. Gli autori hanno condotto una revisione sistematica e una meta-analisi per approfondire la correlazione tra la leptina e l’asma in…

Leggi

Sostanze nutraceutiche e diabete: quali effetti?

Condividi:

In una nuova revisione della letteratura, pubblicata su Current Diabetes Reviews, sono stati messi in evidenza alcuni dei componenti naturali più importanti utilizzati come antidiabetici e nella gestione dell’obesità, commentandone gli esiti. I composti bioattivi presenti in varie fonti naturali, come frutta, verdura ed erbe aromatiche, sono stati già studiati per i loro potenziali benefici nella gestione dell’obesità e del…

Leggi

Alimentazione, ritmi circadiani e microbiota intestinale: possibile ruolo nell’insorgenza di malattie

Condividi:

Negli ultimi anni l’interesse per la crononutrizione è cresciuto enormemente man mano che è diventato più chiaro il ruolo fondamentale dei ritmi circadiani nella regolazione della maggior parte dei processi fisiologici e metabolici. Recentemente è emersa anche l’influenza dei ritmi circadiani sulla composizione del microbiota intestinale (GM) perché più della metà della composizione microbica totale fluttua ritmicamente durante il giorno.…

Leggi

Dieta materna e oligosaccaridi nel latte

Condividi:

Uno studio australiano ha evidenziato che non ci sarebbe un’associazione chiara e consistente tra nutrizione materna e concentrazione di oligosaccaridi nel latte. Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati su Nutrients, è stato coordinato da Caren Biddulph dell’University of Sunshine Coast. Gli oligosaccaridi del latte materno sono glicani complessi associati a esiti positivi sulla salute infantile e la concentrazione…

Leggi

Dieta antinfiammatoria per ridurre i rischi legati al cuore

Condividi:

Secondo uno studio pubblicato su Frontiers in Nutrition, esiste una relazione diretta e lineare tra una dieta antinfiammatoria e la diminuzione del rischio di coronaropatia grave. “Sono disponibili risultati limitati sulla relazione tra indice di infiammazione della dieta (DII) e malattia coronarica (CAD) grave. Considerando l’elevata prevalenza della CAD e delle sue complicanze, abbiamo voluto approfondire questa relazione” spiega Zahra Dadaei,…

Leggi

Diabete: digiuno intermittente sicuro ed efficace per perdere peso e controllare la glicemia

Condividi:

Il digiuno intermittente potrebbe aiutare le persone con diabete di tipo 2 a perdere peso e a tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue. È quanto evidenzia, in uno studio pubblicato su JAMA Network Open, un gruppo di ricerca dell’Università dell’Illinois di Chicago, guidato da Krista Varady. Secondo quanto è emerso dal lavoro, i partecipanti che mangiavano solo…

Leggi


SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Nutri&Previeni © 2024