Disturbi intestino per 3 italiani su 4: aumento durante Covid

Condividi:

Un periodo in cui il cibo è diventato centrale, come fosse Natale tutti i giorni. È stata così la pandemia: soprattutto nelle fasi critiche, complici stress e isolamento, spesso hanno vinto gli eccessi: di calorie, ma anche di grassi e zuccheri. Il risultato sono stati aumenti di peso, ma anche difficoltà digestive, gonfiore, nausea, senso di pesantezza. Tre italiani su…

Leggi

Influenza: più di 1mln di casi, bimbi i più colpiti

Condividi:

L’influenza corre come mai avvenuto in anni recenti; al 21 novembre ha già messo a letto un milione di italiani; soprattutto bambini tra 0 e 4 anni. Sono questi i dati salienti che emergono dal dal rapporto settimanale della rete di Sorveglianza InfluNet dell’Istituto Superiore di Sanità che, nella settimana compresa tra il 15 e il 21 novembre, ha rilevato…

Leggi

Chiave anti-aging? Controllare infiammazione, grassi e zuccheri

Condividi:

Sono tre i principali fattori che regolano l’invecchiamento, l’infiammazione, il metabolismo dei grassi e quello degli zuccheri, tutti e tre, quindi, ampiamente controllabili con una corretta alimentazione. È la conclusione di uno studio realizzato da una collaborazione tra I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS), Università di Bologna, Università dell’Insubria a Varese e Università Lobachevsky di Nizhny Novgorod (Russia) e pubblicato su…

Leggi

Tumore al seno: nel primo anno dopo la diagnosi, rischio aumentato di fibrillazione atriale

Condividi:

(Reuters Health) – Secondo uno studio presentato alle American Heart Association Scientific Sessions, le donne con tumore al seno presentano un rischio aumentato di sviluppare fibrillazione atriale (AF) nel primo anno dopo la diagnosi. “L’incidenza di fibrillazione atriale è massima nei primi 60-90 giorni dopo una diagnosi di tumore al seno”, dice Avirup Guha della Case Western Reserve University di…

Leggi

Il “long COVID” interessa 100 milioni di persone nel mondo

Condividi:

(Reuters) – Basandosi sulla revisione di 40 precedenti studi condotti in 17 Paesi, i ricercatori dell’Università del Michigan stimano che oltre il 40% dei sopravvissuti al COVID-19 in tutto il mondo abbia avuto o abbia effetti persistenti dopo la malattia. La prevalenza aumenta al 57% tra i sopravvissuti che sono stati ricoverati. Gli studi revisionati hanno esaminato le esperienze dei…

Leggi

Alto consumo di latte e maggior rischio di sviluppare l’asma

Condividi:

Un recente studio ha scoperto che i bambini che consumano elevate quantità di prodotti di latte vaccino hanno una maggiore probabilità di sviluppare il prediabete associato al diabete di tipo 1 e l’asma. Secondo la ricerca, il consumo di prodotti lattiero-caseari sottoposti a trattamento ad alta temperatura, come il latte artificiale, sarebbe associato a un rischio maggiore di sviluppare l’asma.…

Leggi

Disturbi alimentari in crescita con pandemia, un sostegno

Condividi:

Una “epidemia dentro l’epidemia”: disturbi come anoressia, bulimia, disturbi da alimentazione incontrollata (binge eating) negli ultimi 19 mesi – complice anche la pandemia – sono aumentati in maniera esponenziale. Lo rileva la Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare, secondo la quale c’è stato un incremento del 30% di nuovi casi e una crescita pari al 50%…

Leggi

Dieta mima-digiuno smaschera cellule che alimentano il cancro

Condividi:

La dieta mima-digiuno può rappresentare un valido alleato contro il cancro al seno triplo negativo, smascherando le cellule staminali che alimentano la crescita del tumore e sono la principale causa della resistenza ai trattamenti e recidive. È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Cell Metabolism e condotto da Università di Milano, Ifom e IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori ,coordinati…

Leggi

Aggiungere erbe e spezie ai piatti fa bene al cuore

Condividi:

Condire i piatti con abbondanti dosi di erbe e spezie non è solo un modo per rendere i pasti più gustosi, ma può migliorare anche la pressione sanguigna. Lo suggerisce un piccolo studio della Pennsylvania State University, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, che ha osservato i benefici dell’aggiunta di alte dosi di spezie ed erbe in una alimentazione consueta.…

Leggi

Dieta anti-demenza: frutta, verdura, legumi, tè, caffè non devono mancare

Condividi:

Frutta, verdura, legumi, tè e caffè sono i pilastri di una dieta anti-demenza: infatti un lavoro pubblicato sulla rivista Neurology mostra che un’alimentazione ricca di questi alimenti – considerati tutti cibi con potere antinfiammatorio – riduce il rischio di ammalarsi di demenza. Lo studio ha coinvolto 1.059 individui di età media 73 anni, seguiti per un periodo di almeno tre…

Leggi

Alleviare dolore in travaglio e parto senza farmaci. Lo studio

Condividi:

Alleviare il dolore durante il travaglio e il parto senza farmaci è l’obiettivo di uno studio dell’Università di Siena da cui, riporta una nota, si sarebbe evidenziata l’efficacia di varie tecniche non invasive come massaggi, musicoterapia, ipnosi, termoterapia e pure distrazione attraverso la realtà virtuale. Si tratta di tecniche analgesiche non farmacologiche da applicare durante il parto indagate da un…

Leggi

Traumi infantili lasciano segni a lungo termine sulla salute

Condividi:

Chi ha vissuto traumi durante l’infanzia è più a rischio di sviluppare problemi di salute mentali e altre patologie. Lo suggerisce una ricerca dell’Università di Auckland (Nuova Zelanda), che ha analizzato 2.888 risposte a un sondaggio sulla violenza in famiglia condotto nel 2019 e associato le avversità dell’infanzia alle condizioni mentali e al maggiore rischio di sviluppo di malattie croniche,…

Leggi

Con la pandemia salute riproduttiva femminile a rischio

Condividi:

Il Covid ha deteriorato la salute riproduttiva femminile, incidendo a colpi di stress e disturbi del sonno sulla regolarità del ciclo mestruale, con potenziali ripercussioni a lungo termine sulla fertilità femminile. È quanto emerso da un’indagine che ha coinvolto oltre 1300 donne in età fertile condotta da Lisa Owens del Dipartimento di Endocrinologia presso il St. James’s Hospital di Dublino…

Leggi

Olio di crusca di riso: migliora aterogenicità nella malattia coronarica

Condividi:

Secondo uno studio pubblicato su Lipids in Health and Disease, incorporare 30 g di olio di crusca di riso nella dieta abituale del paziente è efficace nel migliorare gli indicatori di aterogenicità e insulino-resistenza tra gli uomini con malattia coronarica, probabilmente grazie alle sue proprietà antinfiammatorie. “Nonostante i recenti progressi nel riconoscimento di indicatori più affidabili per stimare la risposta…

Leggi

Creme solari: molte offrono solo un quarto della protezione dichiarata

Condividi:

Molte creme solari offrono solo un quarto della loro protezione Spf dichiarata (un valore che determina l’efficacia della protezione) contro i raggi ultravioletti A che aumentano il rischio di cancro alla pelle, secondo un nuovo studio in cui gli scienziati hanno testato 51 creme solari con Spf tra 15 e 110. La maggior parte dei prodotti testati ha ridotto le…

Leggi

Diabete: 1 persona su 20 riesce a ‘guarire’ grazie calo peso

Condividi:

Circa il 5 per cento delle persone che hanno ricevuto una diagnosi di diabete di tipo 2 riesce a mandare la malattia in remissione secondo uno studio condotto da ricercatori delle università di Glasgow ed Edimburgo pubblicato su Plos Medicine. “All’inizio degli anni Novanta – spiegano i ricercatori – è stata dimostrata la possibilità di remissione nelle persone con diabete…

Leggi

Covid: nessun rischio dagli sport di contatto all’aperto

Condividi:

Uno studio condotto da ricercatori della Texas A&M University pubblicato su JAMA Network Open conferma la sicurezza degli sport di contatto all’aperto: il rischio che un giocatore positivo a Covid-19 trasmetta l’infezione a un avversario o a un compagno durante una partita di football americano giocata all’aperto è infatti prossimo allo zero. Lo studio ha seguito per tre mesi, da…

Leggi