Pelle: come proteggerla anche d’inverno

20 Dicembre, 2018 nessun commento


Share

Non solo d’estate; anche d’inverno la nostra pelle ha bisogno di attenzioni e di essere protetta in questo caso dal freddo. Come? Ad esempio evitando docce troppo calde e troppo lunghe che solo in apparenza fanno bene ma che in realtà tendono a danneggiare la barriera della pelle; oppure applicando la crema idratante quando la pelle è ancora umida per agevolare l’idratazione oppure ancora indossando i guanti che mantengono al caldo le dita e le proteggono. A dare qualche semplice suggerimento per coccolare la pelle anche nella stagione fredda dell’anno sono Rajani Katta, professoressa di dermatologia all’University of Texas Health Science Center di Houston e la sua collega Megan Rogge.

“Molti di noi amano soffermarsi un po’ più a lungo in docce calde fumanti, in particolare quando fuori fa freddo. Fa sentire bene, soprattutto quando la pelle è pruriginosa – evidenzia Rogge – ma questo può effettivamente danneggiare la barriera cutanea, e anche esacerbare il problema della pelle secca e pruriginosa. Ecco perché è consigliabile limitare le docce a 10 minuti e utilizzare acqua tiepida anziché calda”.

Attenzione, poi, anche ai prodotti scelti. Una crema è meglio di una lozione per idratare. “Le lozioni – spiega infatti Katta – sono le meno idratanti, perché hanno una quantità di acqua elevata. Le creme sono la scelta migliore per chi ha la pelle secca”.

Occhio anche all’uso della protezione solare. “Anche quando la temperatura cala – aggiunge infatti Rogge – i raggi del sole possono ancora emettere potenti radiazioni ultraviolette. Se si è vicino a neve o acqua, questi raggi possono essere ancora più potenti a causa delle superfici riflettenti, il che rende la protezione di primaria importanza”.

Infine, a casa meglio usare un umidificatore. “La pelle secca in inverno – conclude infatti Rogge – peggiora quando si accendono i caloriferi in casa: il calore inizia ad asciugare l’aria, che a propria volta inizia ad asciugare la pelle”.

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*