Tumore al seno: l’esercizio fisico migliora la qualità della vita delle pazienti

Condividi:

Una nuova ricerca conferma i benefici che le donne affette da tumore al seno possono trarre dall’attività fisica. I risultati sono stati pubblicati dalla rivista Breast Cancer.  Lo studio ha valutato la pratica e l’esito dell’esercizio sulla qualità della vita specifica per il cancro al seno delle sopravvissuti nello stato del Delta, in Nigeria. Sono state incluse 94 donne, 47 per…

Leggi

Associazione tra benessere mentale, dieta ed esercizio fisico

Condividi:

L’associazione tra salute mentale e alimentazione è probabilmente più forte nelle donne che negli uomini, secondo uno studio condotto da Lina Begdache e Cara M. Patrissy, della Binghamton University. Il lavoro è stato pubblicato dalla rivista Journal of Personalized Medicine. Begdache aveva precedentemente pubblicato una ricerca su dieta e umore la quale suggeriva che una dieta più sana poteva contribuire a migliorare la salute mentale.…

Leggi

Telemedicina e network nella real world evidence nell’epilessia: il simposio della LICE

Condividi:

Anche quest’anno il congresso annuale della Lega Italiana Contro l’Epilessia (LICE), che tiene online dal 9 all’11 giugno, rappresenta un momento di aggiornamento scientifico ed interazione tra gli esperti di epilessia in Italia. In particolare, nel corso del simposio RWE e la forza del network: nuovi e tradizionali outcome di efficacia e tollerabilità, sono stati trattati due temi di stringente…

Leggi

Disturbi dell’alimentazione: lo stress non porta per forza a una perdita di autocontrollo nel mangiare

Condividi:

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Cambridge e pubblicato dalla rivista Journal of Neuroscience, suggerisce che, contrariamente a quanto si pensa, le persone con disturbi alimentari non perdono l’autocontrollo nel mangiare in risposta allo stress. Le persone che soffrono di bulimia nervosa e un sottogruppo di quelle affette da anoressia nervosa condividono alcuni sintomi chiave, le abbuffate ricorrenti e comportamenti…

Leggi

La dieta mediterranea potrebbe contribuire a contrastare la progressione del tumore alla prostata

Condividi:

La dieta mediterranea potrebbe migliorare le condizioni di salute delle persone affette da cancro alla prostata, secondo uno studio condotto dai ricercatori del MD Anderson Cancer Center dell’Università del Texas e pubblicato dalla rivista Cancer. Hanno partecipato allo studio 410 persone con tumore alla prostata a cui è stato proposto un questionario sull’alimentazione composto da 170 voci. Tutti i partecipanti allo studio sono…

Leggi

Il ruolo dell’alimentazione nello sviluppo di cancro al colon-retto

Condividi:

In un articolo pubblicato dalla rivista JAMA, un gruppo di ricercatori statunitensi espone i risultati di una meta-analisi di studi osservazionali prospettici che hanno valutato l’associazione tra modelli dietetici, alimenti specifici, gruppi di alimenti, bevande,  macronutrienti e micronutrienti e l’incidenza di cancro al colon retto. Il cancro del colon-retto è il terzo tumore più diffuso tra gli uomini e il secondo tumore…

Leggi

Come obesità e mutazioni in BRCA aumentano il rischio di tumore al seno precoce

Condividi:

L’obesità è associata a un aumento del rischio di cancro al seno nelle donne in post-menopausa e a un rischio ridotto nelle donne in pre-menopausa, salvo nelle persone con mutazioni nei geni BRCA1 o BRCA2, in cui l’obesità in pre-menopausa è associata a un carcinoma mammario a esordio precoce. Uno studio condotto dal Memorial Sloan Kettering Cancer Center e pubblicato…

Leggi

La genetica dei disturbi alimentari

Condividi:

Circa 4 persone su 10, in Europa occidentale, a un certo punto della propria vita sperimentano un disturbo alimentare: anoressia nervosa, bulimia nervosa o disturbo da alimentazione incontrollata. Negli ultimi anni, studi sulla base genetica dell’anoressia nervosa hanno evidenziato l’esistenza di marcatori genetici predisponenti, presenti in altri disturbi psichiatrici. Analizzando il genoma di decine di migliaia di britannici, un team…

Leggi

Nuovo vaccino contro l’herpes zoster: l’importanza delle campagne vaccinali in epoca Covid-19

Condividi:

L’attenzione sulla prevenzione delle malattie infettive deve restare alta: in questo periodo di emergenza sanitaria e in particolare in questa fase in cui si parla solo del vaccino anti Covid-19, “non bisogna mollare la presa sulle altre vaccinazioni”. Questo è un messaggio fondamentale per Roberto Ieraci Direttore UOC vaccinazioni Centro Vaccinazioni Internazionali Asl Roma 1, intervistato da Popular Science. Dall’inizio della pandemia è…

Leggi

Il nuovo vaccino per l’Herpes Zoster, una occasione da non perdere

Condividi:

“L’Herpes Zoster (HZ) è una patologia virale, acuta, determinata dalla riattivazione dell’infezione latente del virus varicella zoster, da cui praticamente tutti sono infettati in età infantile”, spiega in un’intervista Sandro Giuffrida Dirigente del dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria. “A seguito della riattivazione si ha una malattia molto più severa nell’adulto e soprattutto nell’anziano, che rappresenta ad oggi un…

Leggi

Salute mentale: lo sport aiuta a ridurre ansia e depressione

Condividi:

L’esercizio fisico fa bene. È perfino consigliato per la prevenzione dei tumori e di alcune patologie neurodegenerative, come l’Alzheimer. Diverse ricerche suggeriscono inoltre che le persone che fanno più sport sono meno a rischio di sviluppare disturbi mentali. Uno studio condotto dai ricercatori del dipartimento di psichiatria dell’University College London e pubblicato di recente sulla rivista BMC Medicine conferma questa…

Leggi

Ansia: terapia cognitivo comportamentale superiore allo Yoga

Condividi:

Lo yoga e la terapia cognitivo comportamentale (CBT) sono efficaci nel ridurre il disturbo d’ansia generalizzata. Secondo uno studio americano pubblicato su JAMA psychiatry, comunque, la CBT resta il trattamento di prima linea, superiore alla pratica dello Yoga. Il disturbo d’ansia generalizzata è una condizione comune caratterizzata da ansia e tensione eccessiva, quasi ogni giorno, per almeno 6 mesi. Nonostante il disagio…

Leggi

Dall’agricoltura alla nutrizione, un libro sui centri di ricerca del CREA

Condividi:

Il 3 luglio è stato presentato il volume “I centri di ricerca CREA”, a cura di Carlo Gaudio, subcommissario CREA con delega all’attività scientifica. Il libro permette di scoprire i 12 centri di ricerca, distribuiti in tutta Italia, del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria. “È la prima volta che un titolo del genere, che illustra…

Leggi

La salute mentale ai tempi del coronavirus. Gli studi in Italia

Condividi:

Le situazioni di crisi sono quasi sempre accompagnate da un aumento di depressione, ansia, stress e altri disturbi mentali, ma anche da comportamenti dannosi e autolesionisti. Succede in caso di attacchi terroristici, sparatorie, terremoti o uragani, ad esempio. Non è difficile immaginare che stia avvenendo anche in questa fase in cui una minaccia invisibile ha colpito il mondo intero, portando…

Leggi

Attività fisica: come riprendere durante l’emergenza e nel post-Covid

Condividi:

La fase due, se tutto va bene, si avvicina. Sarà di nuovo possibile, con tutte le dovute precauzioni, uscire per una passeggiata e, magari, forse, anche per una corsetta o comunque per svolgere un’attività fisica all’aperto. Specialisti e giornali hanno ricordato a più riprese, durante l’emergenza, l’importanza di mantenere (o iniziare ad adottare) uno stile di vita sano, in termini…

Leggi

Il sonno al tempo del coronavirus: il punto di ascolto degli esperti dell’Aims

Condividi:

Difficoltà ad addormentarsi? Frequenti risvegli notturni? Incubi? Viviamo, in questo contesto di auto-isolamento e restrizioni, una situazione di stress generale che potrebbe favorire l’insorgenza di sviluppi del sonno o alterazioni del ritmo sonno-veglia. Questo rischio può coinvolgere chiunque e a qualunque età. Un buon riposo notturno, in termini di qualità e quantità è importante per moltissime ragioni, tra le tante…

Leggi

Coliche infantili: alcuni batteri migliorano le condizioni dei bambini

Condividi:

I probiotici a base di Bifidobacterium animalis, potrebbero essere uno strumento efficace per il trattamento delle coliche nei bambini. Lo suggerisce uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Federico II di Napoli e pubblicato sulla rivista Alimentary Pharmacology & Therapeutics. L’eziologia delle coliche nei bambini non è chiara, e di recente è stato suggerito che alla base del…

Leggi